Quotidiano Nazionale logo
23 feb 2022

È morto l’agricoltore schiacciato dal tetto

È deceduto all’ospedale. Giuseppe Ambrogi, 70 anni . rimasto ferito nella sua azienda. dalla copertura divelta dal vento

L’intervento dei soccorritori e dei vigili del fuoco di Orzinuovi nel disperato tentativo di liberare l’allevatore schiacciato dalla copertura crollata per il vento
L’intervento dei soccorritori e dei vigili del fuoco di Orzinuovi nel disperato tentativo di liberare l’allevatore schiacciato dalla copertura crollata per il vento
L’intervento dei soccorritori e dei vigili del fuoco di Orzinuovi nel disperato tentativo di liberare l’allevatore schiacciato dalla copertura crollata per il vento

È morto nella notte Giuseppe Ambrogi, l’allevatore di 70 anni travolto lunedì intorno alle 15 dal crollo di un tetto e di una impalcatura che lo sorreggeva a causa di una forte raffica di vento. L’uomo era stato estratto in condizioni molto critiche e trasportato con un’ambulanza della Croce Verde di Soncino nell’ospedale di Cremona, dove i medici lo avevano indirizzato nel reparto di rianimazione, riservandosi la prognosi. Le condizioni dell’agricoltore, nonostante gli sforzi dei medici, sono andate ulteriormente peggiorando nella notte, quando è sopraggiunta la morte. Enorme lo stupore nel Borgo per questa tragedia, dove Ambrogi era molto conosciuto. La disgrazia è avvenuta nel primo pomeriggio. Come ogni giorno Ambrogi si era portato all’esterno della propria abitazione per eseguire i lavori di sempre. Era sotto l’impalcatura che sorregge una tettoia, quando si è alzato un forte vento. A un certo punto, una raffica più violenta delle altre ha investito in pieno tetto e impalcatura che sono crollati di schianto. L’uomo non ha fatto in tempo a fuggire ed è rimasto sepolto sotto l’ammasso di ferro e legname. L’accaduto ha avuto come testimone la moglie che, udito lo schianto, è andata a verificare e ha visto il marito a terra, sotto l’impalcatura. La donna ha chiamato subito i soccorsi e ha cercato immediatamente di dare aiuto al marito. Sul posto sono arrivate ambulanza e auto medica e i soccorritori hanno chiamato i vigili del fuoco di Orzinuovi per liberare il malcapitato, che non rispondeva ai richiami. Una volta estratto dalle macerie, i soccorritori hanno cercato di rianimarlo, riuscendoci solo dopo 25 minuti. Quando l’uomo ha avuto un cenno di ripresa, è stato immediatamente indirizzato nell’ospedale di Cremona, a causa delle gravi ferite riportate alla testa. Una volta arrivato, purtroppo i medici hanno potuto da fare ben poco per strapparlo alla ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?