Invia tramite email Condividi Condividi su Instagram Effettua l'accesso col tuo utente QN Il Giorno Tutte le ultime notizie in tempo reale dalla Lombardia il Resto del Carlino Tutte le notizie in tempo reale dall'Emilia Romagna e dalle Marche Il Telegrafo Tutte le news di oggi di Livorno La Nazione Tutte le notizie in tempo reale dalla Toscana e dall'Umbria QuotidianoNet Tutte le ultime notizie nazionali in tempo reale Tweet Accedi al tuo account Clicca qui per accedere al tuo account WhatsApp Canale YouTube
Cronaca Sport Cosa fare

EDIZIONI

Abbonamenti

Leggi il giornale

Network

Quotidiano.net il Resto del Carlino La Nazione Il Giorno Il Telegrafo

Localmente

Codici Sconto

Speciali

Il capotreno licenziato per insulti a un senegalese: "disparità con l'annuncio anti rom"

Conclusa davanti al giudice del lavoro la procedura di Trenord contro l'ex dipendente che aveva detto insulti razzisti dopo aver subito un'aggressione 

Ultimo aggiornamento il 4 settembre 2018 alle 17:41
Trenord (foto repertorio)

Cremona, 4 settembre 2018 - Davanti al giudice del lavoro di Cremona, oggi Trenord ha accettato le condizioni proposte da Giordano Stagnati, l'ex capotreno licenziato dopo aver subito, nel settembre del 2017, un'aggressione da un senegalese senza biglietto e al quale aveva dato del «negro di m...», scusandosi poi pubblicamente. Nel video depositato dalla compagnia ferroviaria, era poi spuntata anche una bestemmia del ferroviere. Trenord ha accolto la proposta di trasformare la risoluzione del rapporto lavorativo (il licenziamento) da giusta causa, come era all'origine, in consensuale, restituendo a Stagnati gli attestati conseguiti durante i mesi di formazione, abilitazioni che l'ex capotreno potrà eventualmente utilizzare in altre compagnie ferroviarie.

Stagnati non dovrà più rifare il corso di formazione e il concorso «Un ottimo pareggio. Sono soddisfatto - ha commentato oggi Stagnati all'esito dell'udienza -, ma da parte di Trenord vi è stata una disparità di trattamento rispetto all'altro fatto, cioè rispetto alla capotreno tornata al lavoro dopo l'annuncio anti rom dato all'altoparlante (sul treno Milano-Mantova a inizio agosto, ndr)».

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.