Invia tramite email Condividi Condividi su Instagram Effettua l'accesso col tuo utente QN Il Giorno Tutte le ultime notizie in tempo reale dalla Lombardia il Resto del Carlino Tutte le notizie in tempo reale dall'Emilia Romagna e dalle Marche Il Telegrafo Tutte le news di oggi di Livorno La Nazione Tutte le notizie in tempo reale dalla Toscana e dall'Umbria QuotidianoNet Tutte le ultime notizie nazionali in tempo reale Tweet WhatsApp Canale YouTube
Cronaca Sport Cosa fare

EDIZIONI

Abbonamenti

Leggi il giornale

Network

Quotidiano.net il Resto del Carlino La Nazione Il Giorno Il Telegrafo

Localmente

Codici Sconto

Speciali

Crema, al via la mostra 'Non solo Musica'

Spartiti musicali, illustrazione e grafica allestita in Museo con la collaborazione di Dolly e Attilio Bianchi

di DANIELE RESCAGLIO
Ultimo aggiornamento il 13 novembre 2017 alle 17:36
Il Museo di Crema

Crema, 13 novembre 2017 - Sabato 18 Novembre 2017 alle ore 17 presso il Museo civico di Crema e del Cremasco inaugura la mostra “Non solo Musica”. Spartiti musicali, illustrazione e grafica allestita in Museo con la collaborazione di Dolly e Attilio Bianchi. La mostra, liberamente visitabile negli orari di apertura del Museo, rimarrà aperta fino al 7 gennaio 2018. All’inaugurazione è prevista una visita guidata condotta dai curatori della mostra ed un momento musicale del Gruppo Cremete che accompagnerà la vista con l’esecuzione di brani tratti dagli spartiti esposti.

Si consolida anche nel 2017 la collaborazione del Museo con collezionisti privati che per il terzo anno consecutivo mettono a disposizione del Museo e della Città parte delle proprie preziose collezioni in modo del tutto gratuito. Dopo le scatole di latta antiche serigrafate e i giocattoli d’epoca, Dolly e Attilio Bianchi curano per il 2017 una mostra molto particolare che focalizza l’attenzione sul fortunato connubio fra musica e arte grafica dell’illustrazione. La selezioni di spartiti esposti, è interamente afferente agli anni 20-30 del Novecento quando la musica leggera entrò in tutte le case e fattori economici e commerciali imposero la necessità di una copertina illustrata a colori vivaci e con figure che richiamassero il contenuto musicale e risvegliassero la voglia di ballare. E’ questo il periodo in cui le più importanti case musicali iniziarono il sodalizio con gli illustratori più noti: Coppiello, Metlicovitz, Hoentein e Dudovich, uno dei padri del cartellonismo. Una esposizione che permette di gustare le meravigliose grafiche anni Trenta, i loro colori e la squisita cura del dettaglio in un allestimento, curato dagli stessi coniugi Bianchi che come sempre, nel rispetto del percorso museale, sa esaltare con grazia e gusto gli spartiti esposti.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.