Invia tramite email Condividi Condividi su Instagram Effettua l'accesso col tuo utente QN Il Giorno Tutte le ultime notizie in tempo reale dalla Lombardia il Resto del Carlino Tutte le notizie in tempo reale dall'Emilia Romagna e dalle Marche Il Telegrafo Tutte le news di oggi di Livorno La Nazione Tutte le notizie in tempo reale dalla Toscana e dall'Umbria QuotidianoNet Tutte le ultime notizie nazionali in tempo reale Tweet WhatsApp Canale YouTube
Cronaca Sport Cosa fare

EDIZIONI

Abbonamenti

Leggi il giornale

Network

Quotidiano.net il Resto del Carlino La Nazione Il Giorno Il Telegrafo

Localmente

Codici Sconto

Speciali

Cremona, in mostra cento disegni di Gianfranco Ferrè

Resterà aperta fino al 18 giugno nel Centro culturale Santa Maria della Pietà

Ultimo aggiornamento il 20 aprile 2017 alle 18:02
Gianfranco Ferrè (Ansa)

Cremona, 20 aprile 2017 - Cremona, città di cui era originaria la famiglia materna di Gianfranco Ferré, scomparso 10 anni fa a Milano, dedica allo stilista una mostra che si apre domani e che resterà aperta fino al 18 giugno nel Centro culturale Santa Maria della Pietà. Il disegno è protagonista assoluta della mostra cremonese, che presenta una selezione di oltre cento disegni autografi di Ferré, suddivisi in gruppi sulla base di affinità tematiche o cromatiche, per comunanza di tratti o di accorgimenti grafici, senza una precisa sequenza temporale.

"Da stilista e architetto concepisco la moda come design" diceva Ferré. "Disegnare, per me, significa gettare sulla carta un'idea spontanea per poter poi analizzare, controllare, verificare, pulire, riducendo gli elementi di base a linee sintetiche e precise, innestate su diagonali e parallele e racchiuse dentro forme e figure geometriche" era solito spiegare l'architetto della moda, che dalla sua formazione aveva tratto il suo metodo di lavoro, che "proprio nel disegno aveva il suo fulcro - ricorda oggi Rita Airaghi, presidente della fondazione Ferré - il suo momento fondante, il suo modo di dare una forma alle idee, concretezza a un'intuizione, di »fermare le impressioni e dar loro un abbozzo di consistenza". 

"Tutto l'universo interiore di Gianfranco Ferré - spiega ancora Rita Airaghi - si condensa nei suoi disegni che definiscono con immediatezza i punti cardine del corpo umano (le spalle, la vita, le gambe) ma anche gli interessi, le passioni e la personalità. E ciò può essere compreso anche da chi con la moda ha poca o nessuna confidenza". 

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.