Como, 2 giugno 2018 - "Non solo uno sport ideale per mantenersi in forma, ma anche un modo per scoprire se stessi”. Ecco cos’è l’apnea, secondo chi la pratica e la insegna da anni, come Nicola Manfredi e Matteo Maggi, istruttori dell’Associazione sportiva ‘Moving Limits Asd’ con sede ad Arluno e operativa in quattro impianti in Lombardia (Milano, Cornaredo, Cantù e Sommo). 

Apnea in mare“Molti pensano che l’apnea sia uno sport estremo, in realtà - spiega Manfredi -  è uno sport che possono fare tutti, ma ancora molto di nicchia. Ed è per questo che ci piacerebbe farlo conoscere di più”. “Ci sono corsi di vario tipo: da noi - spiega - il primo livello parte dai 14 anni, ma ci stiamo attrezzando anche per iniziare con i bambini di 8 anni. È soprattutto un problema organizzativo, perché i nostri corsi sono la sera e non sono orari adatti ai ragazzi che il giorno dopo devono andare a scuola”. Ma per gli adulti non ci sono limiti, a meno che risultino particolari controindicazioni mediche. Non è neppure necessario avere un fisico particolarmente atletico. “È uno sport completo per l’impegno muscolare, si è solo a contatto con l’acqua e per questo non si è sottoposti a traumi di alcun tipo. Certo, una buona condizione fisica  aiuta  - sottolinea l’istruttore - ma predominanti sono l’aspetto mentale e le capacità di autocontrollo. Ed è anche per questo che molte persone, tra cui numerosi sportivi, scelgono di fare apnea. È un modo per imparare a gestire l’ansia nelle competizioni come nella vita di tutti i giorni”. 

Apnea in mareSì, perché l’apnea è un'attività in cui corpo e mente sono indissolubilmente legati e quindi è fondamentale lavorare sulla psiche per avere buoni risultati. Il modo più semplice per "allenare" la mente è attraverso il rilassamento. Se si riesce a raggiungere un buon livello di rilassamento diminuiscono i battiti cardiaci e la muscolatura si decontrae: tutto ciò porta a un minor dispendio energetico e, di conseguenza, si ha a disposizione una quantità di ossigeno maggiore e quindi aumentano i tempi di apnea. Insomma, più che una sfida con gli altri, è una sfida con se stessi.

Anche se restare tanti minuti sott’acqua sembra impossibile. In fondo, non respirare è la cosa più innaturale del mondo. Come ci si riesce? “È possibile farlo perché il corpo umano ha dei meccanismi di adattamento all’acqua che neppure immaginiamo. Pensiamo di avere dei limiti, ma in realtà questi limiti non esistono”, assicura Manfredi. E racconta ciò che si prova durante l’immersione: “Ci si trova a gestire emozioni in una situazione di apparente solitudine assoluta (apparente perché deve esserci sempre qualcuno vicino, ndr). Tutto quello che c’è fuori viene dimenticato, cancellato, per andare alla scoperta di noi stessi. Ogni volta è un viaggio interiore molto intenso”.    

Corso di apnea in mareDurante i corsi in piscina, oltre alla tecnica, vengono impartite anche lezioni teoriche. Fondamentali sono le tecniche per garantire la sicurezza che vengono anche provate attraverso simulazioni: ad esempio come si fa a portare in salvo un compagno o ad aiutarlo se ha un crampo. Non mancano neppure le gite fuori porta: dall’esperienza alla Y40, la piscina termale più profonda del mondo, alle immersioni nel lago di Como o nel mare della Liguria. E per chi ha già esperienza o è in possesso di qualche brevetto, è possibile continuare ad allenarsi in piscina. Perché quando si diventa delfini, è difficile stare lontani dall’acqua. 

Un’occasione per avvicinarsi al mondo della subacqua sarà la nuova edizione di Sport in città 2018 a Cantù, l’evento organizzato dall’assessorato allo Sport del Comune di Como e dal Coni. Oltre trenta società sportive, domenica 3 giugno, parteciperanno alla manifestazione che si svolgerà prevalentemente nel centro della città. Tra queste ci sarà la ‘Moving Limits ASd’ con uno stand nel quale sarà possibile informarsi attraverso il confronto diretto con gli istruttori ma anche depliant, fotografie e video. Inoltre saranno distribuiti coupon per poter partecipare gratuitamente a una prova in piscina a Cantù prevista per domenica 10 giugno.