Como, 9 giugno 2018  - Sono 13 i comuni in provincia di Como chiamati al voto domenica 10 giugno per l'elezione diretta dei sindaci e dei consigli comunali, nonché per l'elezione dei consigli circoscrizionali. In Lombardia sono 697.695 gli elettori chiamati a esprimersi. I seggi saranno aperti dalle ore 7 alle ore 23. Nel complesso sono chiamati alle urne oltre 42mila cittadini della provincia di Como. Nessuno dei Comuni al voto supera i 15mila abitanti, quindi non è previsto un turno di ballottaggio. La città di maggiori dimensioni al voto è Mozzate (oltre 8.200 abitanti), il centro più piccolo Montemezzo (261 abitanti). Rodero non andrà al voto perché non è stata presentata nessuna lista: il comune, già commissariato da un anno, resterà ancora senza sindaco e senza consiglio comunale.

Ecco tutti i comuni al voto in provincia di Como: Bulgarograsso, Carlazzo, Carugo, Cassina Rizzardi, Centro Valle Intelvi (nato il 1° gennaio 2018 per fusione dei Comuni di Casasco d'Interlvi, Castiglione d'Interlvi e San Fedele Intelvi), Cernobbio, Laglio, Lambrugo, Lurago d'Erba, Montemezzo, Mozzate, Rodero, San Siro, Sorico. 

BULGAROGRASSO - Due i candidati sindaco a Bulgarograsso: Fabio Chindamo, della lista Bulgaro Nuova, e Giuseppe Clerici, della lista Bulgaro Anch’io.

CARLAZZO - Due le liste per il Comune di Carlazzo (2.972 abitanti), dove si torna a votare dopo la tragica perdita, lo scorso ottobre, del sindaco Mauro Bonardi eletto nel 2016. Ecco le liste: “Vivere Carlazzo”, guidata dal vicesindaco uscente Antonella Mazza, e “Uniti per Carlazzo”, guidata da Alberto Grassi.

CARUGO - Il sindaco uscente Daniele Colombo è l’unico candidato alla poltrona di primo cittadino. Infatti, non si è formata nessuna altra lista alternativa. Le tre attuali minoranze, “Carugo in Testa”, “Forza Carugo” e “Noi Cittadini” hanno dichiarato ufficialmente la loro assenza alle prossime comunali. Stando così le cose, se alle urne non si esprime il 50% più 1 Carugo diventa Comune commissariato.

CENTRO VALLE INTELVI - Alle urne per la prima volta il nuovo Comune di Centro Valle Intelvi nato il 1 gennaio 2018 dalla fusione degli ex comuni di Casasco d’Intelvi, Castiglione d’Intelvi e San Fedele Intelvi, per eleggere il primo sindaco e il primo consiglio comunale della sua storia. Nel nuovo comune si tratterà di una sfida a due tra il candidato sindaco Mario Pozzi con la lista “In comune per il bene comune” e il candidato sindaco Mattia Prada con la lista “Giovani Centro Valle Intelvi”.

CERNOBBIO - Sono tre i candidati sindaco a Cernobbio. Paolo Furgoni, l’attuale sindaco e vincitore delle elezioni nel 2013 tenta la riconferma. L’intenzione è quella di dare una linea di continuità con gli ultimi anni. Si candiderà nuovamente con una lista civica. Filippo Santoro, fa parte della lista di minoranza “Per Cernobbio”. Nel 2013 si era già candidato per il ruolo di sindaco ma a vincere era stato Furgoni. Matteo Monti, attulmente è consigliere di minoranza nella lista “Per Cernobbio” ma si presenterà con una nuova lista che prende il nome di “Cernobbio in testa”. Si stacca quindi dall’ex collega Filippo Santoro. Simona Saladini,  l’unica donna dei quattro candidati. Vanta molta esperienza visto che è già stata primo cittadino di Cernobbio per ben 10 anni. Nel 2013 è stata sconfitta dall’attuale sindaco. Ora vuole tornare in campo con una lista civica.

LAGLIO - Sono due i candidati sindaco a Laglio. Roberto Pozzi, attuale sindaco, corre anche per le prossime elezioni con la lista civica “Insieme per Laglio”. A sfidarlo, Francesca Frigerio che corre con Forza Nuova.

LAMBRUGO - Sono due i candidati sindaco a Lambrugo. A contendersi la poltrona il primo cittadino uscente Giuseppe Costanzo, candidato con la lista “Progetto per Lambrugo”, e il consigliere comunale Vasco Maria Dossena, candidato con “Lambrugo per tutti”. I due si erano già sfidati cinque anni fa, durante le ultime elezioni comunali. 

LURAGO D'ERBA - Due i candidati sindaco a Lurago d'Erba: da un lato Federico Bassani, primo cittadino uscente con la lista “Progetto per Lurago”, dall’altro Massimiliano Galli, consigliere comunale di minoranza, candidato con la lista “Lurago Futura”.

MONTEMEZZO - Nel comune di Montemezzo, il più piccolo al voto in provincia di Como, le liste presentate sono due: “Uniti per Montemezzo” del sindaco uscente Gianluigi Spreafico e “Siamo Montemezzo” di Guido Spelzini.

MOZZATESono tre i candidati sindaco a Mozzate. A sfidare il primo cittadino uscente Luigi Monza saranno Clemente Ciccozzi, candidato della lista "Passione Civica", e Marco Marchetti della Lega.

RODERO - Nel Comune di Rodero (1.210 abitanti), il quattordicesimo ente comasco interessato dalla prossima tornata elettorale, i cittadini non andranno alle urne perché non è stata presentata nessuna lista. Il comune, già commissariato da un anno, resterà ancora senza sindaco e senza consiglio comunale.

SAN SIRO - Due liste a San Siro, dove a candidarsi a primo cittadini sono il sindaco uscente Claudio Raveglia, appoggiato dalla lista “Libertà è partecipazione”, e Tatyana Lorenzini, appoggiata dalla lista “Energia e forza per San Siro”.

SORICO - Una sola lista, invece, a Sorico (1.234 abitanti), dove il sindaco uscente Ivan Tamola, che si ricandida per il suo eventuale secondo mandato con la lista “Sorico Domani”, dovrà raggiungere il quorum per essere eletto.

COSA SERVE PER VOTAREOccorre recarsi al seggio indicato sulla tessera elettorale portando con sé la tessera elettorale e un documento di identità in corso di validità. In caso di cambio di indirizzo che comporti variazione di seggio occorre ricordarsi di applicare sulla tessera elettorale l'apposito tagliando spedito per posta dal Comune. In caso di esaurimento delle caselle e/o di smarrimento e/o di furto della tessera elettorale occorre recarsi presso l'ufficio elettorale per chiedere il rilascio di una nuova tessera.