Quotidiano Nazionale logo
30 nov 2021

La Canepa vede la luce in fondo al tunnel grazie 5 milioni garantiti dal Mise

Como, lo Stato socio di minoranza nella storica azienda della seta accanto agli investitori privati

roberto canali
Economia
Anni duri per i lavoratori della Canepa che prima del 2018 contava in tutto 450 dipendenti e ora è scesa a 264: per loro nessun licenziamento ma un piano di assunzioni e pensionamenti
Sono stati anni duri per i lavoratori della Canepa

San Fermo della Battaglia (Como) - Dopo tre anni complicati finalmente possono tirare un sospiro di sollievo i 264 lavoratori della Canepa, la storia azienda tessile comasca, salvata grazie al maxi investimento di 18 milioni di euro concessi dal fondo Az Elfit Capital Solutions ai quali aggiungeranno altri 5 milioni garantiti dal Mise. Una lunghissima crisi iniziata alla fine del 2018, quando l’azienda contava oltre 450 dipendenti, e proseguita fino a oggi con il personale quasi dimezzato anche per colpa del Covid che ha mandato in crisi l’industria della seta. L’accordo sottoscritto al Ministero dello Sviluppo economico prevede l’intervento del Fondo di Salvaguardia gestito da Invitalia. L’investimento pubblico di 5 milioni di euro sarà in quota di minoranza, come prevede la normativa, e affiancherà l’investitore privato e il socio storico che avranno la maggioranza del capitale dell’azienda. 

"È italiana e del settore della moda la prima azienda nel panorama europeo ad ottenere il finanziamento pubblico attraverso il fondo per la salvaguardia dei marchi di interesse storico – esprimono la loro soddisfazione Filctem Cgil, Femca Cisl, Uiltec Uil – Siamo soddisfatti per questa intesa che mette al riparo da esuberi i 264 dipendenti dell’azienda e permettono alla stessa un rilancio. Il monitoraggio attraverso la partecipazione alla governace aziendale per i prossimi 5 anni della stessa Invitalia offre una garanzia solida dell’investimento". Una notizia positiva anche l’indotto che occupa altri 900 lavoratori. "L’azienda, guidata al 40% da Michele Canepa, al 30 da Invitalia e dal restante 30 dal fondo di investimento Muzinich&Co, ha presentato un piano di formazione per la riqualificazione del personale da una parte e di accompagnamento pensionistico e assunzione di nuovo personale, in un’ottica di staffetta generazionale, dall’altra. Questo sarà possibile attraverso l’utilizzo degli ammortizzatori sociali. Ora attendiamo la presentazione del piano industriale che avrà l’obiettivo di recuperare presto le quote di mercato perse negli ultimi anni e il fatturato necessario al prosieguo dell’attività di impresa". L’auspicio di tutti, pandemia permettendo, è che la moda possa tornare a macinare risultati e fatturato, consentendo così a Canepa di riprendersi le quote di mercato perse in questi anni.

 

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?