Quotidiano Nazionale logo
8 mag 2022

Trovati pure anelli provenienti da un atelier orafo

Mistero nel mistero, la presenza di alcuni anelli e semilavorati provenienti da un atelier orafo. "Si potrebbe supporre che il funzionario imperiale o l’ufficiale che aveva in consegna le monete abbia nascosto insieme anche gioielli di sua proprietà – spiega Grazia Facchinetti – Ma gli anelli, che presentano evidenti danni, potrebbero avere la stessa provenienza dei semilavorati. A mio avviso, l’unica possibilità è ipotizzare che l’orefice lavorasse alle dipendenze dell’Impero e che si sia inteso porre in sicurezza tutto il metallo prezioso custodito da un ufficio palatino, compreso quello in corso di lavorazione. In tal caso, più che a Como, l’atelier poteva probabilmente essere a Milano, presso le riserve auree delle sacrae largitiones e la Zecca, con cui poteva condividere alcuni impianti".

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?