Quotidiano Nazionale logo
29 gen 2022

Security nelle discoteche, le accuse confermate

Per alcuni degli imputati le pene in Appello si sono ridotte per altri invece sono aumentate

Una condotta di associazione a delinquere che i giudici hanno riconosciuto, accogliendo in buona parte l’impianto accusatorio della Dda, alcuni ritocchi nella quantificazione delle pene, e soprattutto un altro capitolo chiuso nel procedimento giudiziario sulla gestione della security nelle discoteche del Comasco, scaturito dall’indagine condotta dai carabinieri di Cantù e dalla Direzione Distrettuale Antimafia di Milano. Ieri si è concluso il processo d’Appello, che ha nuovamente riconosciuto l’associazione a delinquere per tre imputati: Umberto Cristello, 54 anni di Seregno, la cui condanna è passata da 14 anni a 17 anni e 9 mesi, e Carmelo Cristello, 48 anni di Cabiate, passato da 14 anni e 2 mesi a 9 anni, e Luca Vacca, 38 anni di Mariano Comense, la cui condanna è scesa da 10 anni e 8 mesi a 9 anni e 5 mesi. Per loro, la Corte d’Appello di Milano ha riconosciuto il vincolo associativo, così come compariva nell’ordinanza di custodia cautelare che li aveva condotti in carcere a giugno 2020, salvo poi andare incontro a una sentenza di primo grado, al termine del processo con rito abbreviato che, pur mantenendo elevate le pene, aveva escluso il vincolo associativo. L’accusa comprendeva anche Daniele Scolari, 33 anni di Mariano Comense, condannato inizialmente a 5 anni e ora a 4 anni e 8 mesi, rimasto escluso dalle modalità associative che gli venivano contestate. La ricostruzione che li aveva condotti in carcere, ipotizzava un legame di natura ‘ndranghetista tra gli imputati, per la gestione dei servizi di sicurezza nelle discoteche del Comasco. I due Cristello come referenti, Scolari e Vacca incaricati di "compiere gli atti estorsivi, di controllare i settori economici monopolizzati dal sodalizio, di intimidazione dei concorrenti e di organizzazione operativa dei servizi di sicurezza dei locali notturni". Una gestione della security, che sarebbe più volte sfociata in estorsioni e atti ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?