Robbie Williams
Robbie Williams

Bellagio, 19 luglio 2014 - Ci voleva Sir Robbie Williams per riuscire a offuscare, almeno per una notte, la stella di George Clooney, il re del Lario costretto ad abdicare a favore del "King of Pop". Ospite d’onore del matrimonio della figlia del magnate russo-ucraino della Warner Music, Len Blavatnik, la presenza del più eccentrico dei "Take That" non è passata inosservata nella "Perla del lago", malgrado le imponenti misure di sicurezza e le manovre di depistaggio degli organizzatori di quelle che da queste parti sono già state ribattezzate le nozze dell’anno.

Una giornata degna di "Lariowood" quella di giovedì, iniziata con le nozze a Villa Balbianello di Julia Blavatnik con il rampollo di una delle più ricche famiglie di banchieri russi. Oltre a trecento invitati fatti arrivare da tutto il mondo e alloggiati nelle suite più esclusive del "Casta di Diva" di Blevio e dell’Holte Villa d’Este, i due sposi per il giorno più bello della loro vita hanno chiesto a papà Lev un regalo davvero speciale: un concerto privato di Robbie Williams ed Eros Ramazzatti, che hanno dedicato a due il loro repertorio di canzoni d’amore. A suggellare la serata uno spettacolo di fuochi pirotecnici che hanno illuminato a giorno il Golfo di Venere. Ma la festa dei due sposi e dei loro amici non è finita qui. In motoscafo hanno attraversato il lago per darsi appuntamento al Lido di Bellagio, affittato per un party esclusivo dalle 2 alle 4 del mattino. Off-limits l’edificio all’ingresso del paese, presidiato da buttafuori in abito scuro e illuminato a giorno per gli ospiti, molti dei quali rampolli delle più ricche famiglie del jet set internazionale. All’interno gli amici della coppia hanno trovato due gruppi rock fatti arrivare appositamente da Mosca, per una festa che è proseguita tutta la notte da fiumi di champaghe e caviale. Atteso Robbie Williams che però, dopo il concerto privato a Villa Balbianello, ha salutato Eros Ramazzotti e si è fatto riaccompagnare nella sua suite al Grand Hotel Villa Serbelloni.

 che non è servita a tenere lontane le fan dei due, per tutta la giornata di ieri impegnate a battere le due sponde del lago, da Bellagio a Menaggio, alla caccia del loro idoli. «Di feste così ce ne vorrebbero una a settimana», sorrido in paese. Tanto paga papà Blavatnik, che per festeggiare la sua Julia si dice abbia staccato un assegno da tre milioni di euro.