Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Giorno logo
31 lug 2022
31 lug 2022

Como, il latitante Massimo Riella torna in Italia, non si opporrà all'estradizione

31 lug 2022
massimo riella
Massimo Riella
massimo riella
Massimo Riella

Gravedona ed Uniti (Como) - Non si opporrà all’estradizione dal Montenegro, dove era stato catturato, Massimo Riella, il latitante di Brenzio. la sua fuga era terminata tre settimane fa nei Balcani, che era riuscito a raggiungere grazie all’aiuto  di complici ancora ignoti e dove pare stesse attendendo un passaporto falso per trasferirsi in Sud America. In queste settimane è rimasto in carcere in Montenegro in attesa di estradizione, ma il suo rientro in Italia, ovviamente non da libero cittadino, è molto vicino. Lo conferma il suo avvocato, Roberta Minotti: «La prossima settimana l’ambasciatore italiano andrà a fargli visita – annuncia il legale – È pressoché scontato che presterà il consenso all’estradizione». Poi occorrerà che i giudici decidano in quale carcere destinarlo. Non al Bassone, dov’era rimasto per alcuni mesi fino al 12 marzo.

La latitanza di Riella in Montenegro è terminata quando la polizia lo ha identificato e fermato, in esecuzione del mandato di cattura internazionale che gravava su di lui ormai da tempo. Come sia arrivato fin lì non si sa, l’unica notizia che si attendeva da tempo era la fine della fuga del quarantottenne, scappato dal cimitero di Brenzio, a Gravedona ed Uniti, paesino sul lago di Como, la mattina del 12 marzo, mentre era al cimitero, in visita alla madre seppellita nella piccola frazione del paese. Gli era stata concessa un’uscita, sotto scorta, dal carcere Bassone di Como dove era detenuto in custodia cautelare con l’accusa di aver rapinato due anziani.

Era bastato un minuto in cui era rimasto senza manette, un atto di umanità nei suoi confronti, che lui ha trasformato in una fuga istantanea, gettandosi tra i rovi di un dirupo. Sparito in quei boschi impervi che i suoi trascorsi di bracconiere gli hanno reso familiari, e nei quali è riuscito a nascondersi per cinque mesi. Certamente beneficiando dell’aiuto di tanti conoscenti e amici che a lungo lo hanno sostenuto, nascosto, foraggiato.

Ma la stretta dei carabinieri di Menaggio e della polizia penitenziaria, probabilmente aveva reso difficile per tutti continuare a spalleggiarlo, anche economicamente, e per lui stesso trovare luoghi in cui nascondersi. Da settimane, non si sapeva più dove cercarlo, dopo aver passato al setaccio ogni metro quadrato dei boschi dell’Alto Lago di Como per settimane, anche con i droni. Ora è riapparso, in Montenegro, dove attenderà l’estradizione.  

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?