Quotidiano Nazionale logo
24 feb 2022

Avvocato indagato, spunta un lascito sospetto

Il legale è accusato di essersi fatto intestare un appartamento in città da un anziano

L’avvocato comasco è stato indagato dagli uomini della Guardia di Finanza
L’avvocato comasco è stato indagato dagli uomini della Guardia di Finanza
L’avvocato comasco è stato indagato dagli uomini della Guardia di Finanza

L’ipotesi di appropriazione indebita di 80mila euro per la quale è indagato l’avvocato comasco Alberto Anzani, 49 anni, include anche la redazione di un testamento da parte dell’anziana vittima, un uomo di Como ricoverato in casa di riposo e deceduto a settembre 2020. Subito dopo la morte dell’uomo, Anzani avrebbe fatto sottoscrivere alla sorella, secondo quanto ha raccontato lei stessa nella querela, una procura per poter seguire la successione: un testamento olografo datato ottobre 2018, nel quale l’avvocato figurava come destinatario del lascito di un immobile di Como. Ma l’insistenza nello spingere gli eredi all’accettazione del testamento, e le "continue richiesta economiche di dubbia natura, e i cui importi risultavano particolarmente ingenti", avevano spinto la sorella della vittima a revocare l’incarico e cambiare avvocato.

Successivamente la donna era venuta a conoscenza di un precedente testamento olografo redatto dal fratello nel 2016, che indicava come erede la sorella e i nipoti come nel documento del 2018, senza alcun lascito a favore di Anzani. Le indagini a suo carico, condotte dalla Guardia di finanza del Nucleo di Polizia Economico-Finanziaria della Guardia di Finanza e coordinate dal sostituto procuratore Antonia Pavan, sono sfociate martedì nel sequestro preventivo di oltre 81mila euro, che sarebbero stati all’anziano utilizzando una procura speciale.

Pa.Pi.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?