Quotidiano Nazionale logo
12 mag 2022

"Al Sant’Elia lavori fermi da tre anni"

Sul piede di guerra le mamme dell’asilo coi bimbi trasferiti

Il nido Sant’Elia chiuso dal 2019
Il nido Sant’Elia chiuso dal 2019
Il nido Sant’Elia chiuso dal 2019

Un trasloco temporaneo che rischia di diventare soluzione definitiva quello dell’asilo Sant’Elia, capolavoro del Razionalismo i cui lavori di ristrutturazione iniziati ormai tre anni fa da Palazzo Cernezzi sono fermi al palo, con la struttura chiusa e gli 80 bimbi trasferiti in altre strutture. "La vicenda è iniziata nel giugno 2019 quando l’asilo venne chiuso per interventi di ristrutturazione parziale e messa a norma – hanno scritto le mamme al prefetto – I lavori sarebbero dovuti durare l’estate, ma sono passati tre anni. Nel frattempo i bambini sono stati trasferiti all’elementare Severino Gobbi di via Viganò. Una struttura, come è facilmente comprensibile, non idonea a ospitare bambini dai 3 ai 5 anni né a dare il corretto contributo didattico e pedagogico che richiede una scuola materna". In particolare le mamme denunciano servizi igienici non idonei, presenza di scale, mancanza di uno spazio giochi adeguato. Con lo spazio mensa in condivisione con i bambini delle elementari spesso i più piccoli sono costretti a pranzare in un corridoio o addirittura a recarsi alla confinante media Virgilio di via Magenta.

"Bambini di 5 anni sullo stesso piano degli alunni delle elementari sono spesso redarguiti perché i loro giochi disturbano i più grandi; la palestrina è condivisa con un uso limitato della stessa – concludono le mamme – L’attuale Giunta non si è degnata di rispondere alle numerose sollecitazioni, chiediamo una sistemazione adeguata per l’inizio del nuovo anno scolastico".

R.C.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?