Zelbio (Como), 26 luglio 2018 - Prosegue il festival "Zelbio Cult - Incontri d’autore su quell’altro ramo del lago di Como" con due appuntamenti nel fine settimana. Sabato 28 luglio con un tuffo nell’antico ma sempre attuale latino: Nicola Gardini, studioso milanese professore a Oxford spiegherà “Le 10 parole latine che raccontano il nostro mondo”, titolo del suo ultimo saggio (Garzanti).

In questo personalissimo vocabolario ideale, spaziando tra la storia e la filosofia, tra grandi classici e scrittori moderni, Gardini sceglie dieci parole che a suo dire hanno formato e continuano a formare il nostro tempo e la nostra civiltà, e attraverso le quali è possibile leggere in controluce un frammento della storia di tutti noi. La lingua latina – sostiene il professore - è un tesoro di significati che continuano a parlarci e a renderci quel che siamo. Non soltanto perché attraverso questa lingua possiamo farci idee più chiare sulla provenienza di immagini, metafore, modi di dire, ma soprattutto perché continuamente ci sfida a entrare in contatto e in dialogo costante con il nostro passato, e quindi a conoscere meglio noi stessi. Gardini è anche autore del bestseller “Viva il latino” (sempre edito da Garzanti).

Il fine settimana prosegue domenica 29 luglio con un la rinnovata collaborazione con il Festival di Bellagio e del Lago di Como: torna l’appuntamento con la musica classica. Nella chiesa parrocchiale di San Paolo l’Orchestra milanese “I pomeriggi musicali” esegue Holberg Suite di Edvard Grieg, Antiche arie e danze di Ottorino Respighi e la suite numero 3 e Serenata per Archi op. 48. di Tchaikovskij. Zelbio