Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Giorno logo
22 ago 2020

Tremezzina, domenica in musica con la chiusura del festival Lacmus

Appuntamento all'alba, alle 6 del mattino, sulla terrazza del Parco di Mezzegra e gran finale alle 19 al Grand Hotel Tremezzo

22 ago 2020
Il festival LacMus in Tremezzina
Il festival LacMus in Tremezzina
Il festival LacMus in Tremezzina
Il festival LacMus in Tremezzina

Tremezzina (Como), 22 agosto 2020 - Gran finale per LacMus a Tremezzina, sul Lago di Como, domenica 23 agosto con un doppio appuntamento: alle ore 6 nella terrazza a lago del Parco di Mezzegra - nuova location di questa edizione - si terrà un suggestivo concerto all’alba con Anton Dressler al clarinetto e live electronics. Alle 19 l’ultimo appuntamento di questa edizione avrà luogo, come ormai da tradizione, presso il Grand Hotel Tremezzo: “Songs and Arias at the Grand” vedrà protagonisti il tenore René Barbera e il mezzosoprano Rihab Chaieb, accompagnati al pianoforte da Paolo Bressan e Sophia Muñoz. Godibilissimo il programma, in cui alle brillanti trascrizioni per pianoforte a quattro mani di pagine assai note di Rossini e Bizet si alterneranno languide arie di Tosti e sensuali canzoni spagnole di Obradors, senza dimenticare un piccolo omaggio a Giuseppe Verdi, con due gemme dal Rigoletto.

Il primo appuntamento della giornata è dedicato ai melomani più mattinieri e agli appassionati di musica contemporanea. Il suono impalpabile del clarinetto accompagnerà la luce nascente sul lago, in questo concerto all’alba, che avrà inizio alle ore 6 nella terrazza a lago del Parco di Mezzegra. Spinto dal desiderio di indagare le infinite possibilità del suo strumento, Anton Dressler condurrà gli ascoltatori in un emozionante viaggio tra creatività e tecnologia, in cui la figura del compositore e quella dell’interprete andranno, per una volta, a coincidere. Con il live electronics, che affonda le sue radici nelle sperimentazioni musicali degli anni ’60 del Novecento, in particolare con Karlheinz Stockhausen, si assisterà ad un processo di produzione e manipolazione dei suoni in tempo reale, con infinite possibilità di improvvisazione sull’improvvisazione. Anton Dressler è l’artista ideale per questo genere di sperimentazione. Descritto dalla critica come un clarinettista dalla “sensibilità ipnotica”, con una “superba intonazione e un unico senso dell’intimità”, si dedica da tempo alla musica contemporanea e molti compositori viventi, fra cui Brener, Podgaiz, Bronner, Rosenblat, Galperin, Chajkovsky, gli hanno dedicato le loro creazioni.

Songs and Arias at the Grand” è il sipario multicolore che chiuderà, alle 19 al Grand Hotel di Tremezzo, questa breve ma appassionante edizione 2020 di LacMus Festival. Un programma incentrato sull’evocazione di immagini legate al sottile e cangiante rapporto fra parola e musica, da Rossini a Verdi, da Bizet a Saint Saëns, passando per Tosti e Obradors.

 

 

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?