L'artista Gunza
L'artista Gunza
Como, 7 novembre 2018 - La nuova fermata autunnale di Stazione Como Artificio, la rassegna di mostre d’arte del Chiostrino Artificio, propone dal 10 novembre un insolito innesto tra pittura e poesia, in cui fronde di organza creeranno alberi poetici. Un'artista, Gunza, e un'associazione che promuove e diffonde la poesia, La Casa della Poesia di Como, si incontrano unendo i propri linguaggi espressivi. Questa contaminazione racconta lo sguardo di poetica meraviglia che la natura porta con sé e proprio questo sarà il tema della nuova mostra dal titolo “Di fronda in fronda” al Chiostrino Artificio. Si tratta di un’esposizione tematica dedicata all'arbor, riproposto in una serie di alberi evanescenti sospesi tra terra e cielo, con chiome che sembrano nuvole e senza radici che li trattengono al suolo. Gunza dipinge alberi leggeri che sembrano pronti a spiccare il volo da un momento all’altro, portati dal vento: negli ultimi anni all'artista piace rifugiarsi in quest’angolo poetico, a metà tra l’acquarello e il disegno, utilizzando l'organza come supporto materico dal forte potere evocativo. La Casa della Poesia di Como si introduce nell’esposizione con un allestimento ispirato alla natura in cui il gruppo giovani Le Api dell'Invisibile selezionerà versi poetici e haiku, trascrivendoli su fronde leggere ricreate con strisce di organza dipinte da Gunza. La mostra è visitabile fino al 25 novembre, gli orari d’apertura sono: da lunedì a venerdì dalle 9 alle 12.30 e il pomeriggio, il sabato e la domenica su appuntamento, scrivendo a: segreteria.luminanda@gmail.com
In concomitanza con l’inaugurazione della mostra sarà presentato il progetto Laboratorio Creativo, che Le Api dell'Invisibile proporrà all'interno del centro culturale: un ciclo di otto incontri pensati dai giovani e per i giovani, con lo scopo di condividere le proprie forme d’arte, di creare sul posto e di fare dell’arte uno strumento in grado di agire attivamente nel mondo.