Edgardo Arosio

Cantù (Como), 17 marzo 2018 - Salvo, almeno per ora, il sindaco Edgardo Arosio che rischiava di decadere per incompatibilità e invece è stato momentaneamente graziato dalla decisione del Consiglio di Stato che ha stabilito di sospendere l'esecutività della sentenza del Tar che riassegnava l'appalto di trasporto salme all'azienda del fratello Armando.

Una vittoria momentanea perché tra poco più di un mese, il 3 di maggio, il tribunale riprenderà in mano la questione stavolta per entrare nel merito. Se in quell'occasione verrà confermata la decisione del Tar per Arosio rimarrà ben poco da fare e la Città del Mobile un anno dopo le amministrative rischierà di trovarsi senza sindaco.