Invia tramite email Condividi Condividi su Instagram Effettua l'accesso col tuo utente QN Il Giorno Tutte le ultime notizie in tempo reale dalla Lombardia il Resto del Carlino Tutte le notizie in tempo reale dall'Emilia Romagna e dalle Marche Il Telegrafo Tutte le news di oggi di Livorno La Nazione Tutte le notizie in tempo reale dalla Toscana e dall'Umbria QuotidianoNet Tutte le ultime notizie nazionali in tempo reale Tweet WhatsApp Canale YouTube
Cronaca Sport Cosa fare

EDIZIONI

Abbonamenti

Leggi il giornale

Network

Quotidiano.net il Resto del Carlino La Nazione Il Giorno Il Telegrafo

Localmente

Codici Sconto

Speciali

Far West Comasina: assuefatti alla violenza

È un meccanismo criminale, questo, rodato e dannatamente efficace. Ma Milano ha tutte le risorse per contrastarlo

di SANDRO NERI
Ultimo aggiornamento il 12 settembre 2018 alle 08:07

DOMANDA:

LA COMASINA è stata spesso, soprattutto in passato, al centro della cronaca nera di Milano. Ma quel che è accaduto ieri lo si è visto raramente: una sparatoria davanti a un bar, come nulla fosse, in pieno giorno. Con un uomo che ha tentato di ucciderne un altro e con quest’ultimo che ha risposto al fuoco prima di scappare. Come siamo ridotti? È possibile che non si riesca ad assicurare alla giustizia questi criminali così spudorati? Giulia G., Milano

RISPOSTA:

CHI VIVE grazie al crimine, che dunque vive nell’odio, è così assuefatto alla violenza da non percepirla più. Diventa tutto normale. Normale sparare a una persona, normale farlo in mezzo alla strada e in pieno giorno. Anzi, diventa perfino utile, per ribadire la propria superiorità sul territorio. E pazienza, se qualche volta, ci vanno di mezzo perfino gli innocenti, i passanti, quelli che proprio non c’entrano niente. È un meccanismo criminale, questo, rodato e dannatamente efficace. Ma Milano ha tutte le risorse per contrastarlo. La Comasina ha ancora i suoi problemi, ma è un quartiere migliore di quanto non fosse anni fa. E le forze dell’ordine sono di primissimo livello. Sono sicuro che, anche questa volta, faranno di tutto e di più per individuare i responsabili. sandro.neri@ilgiorno.net

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.