Milano, 21 settembre 2019 - Boom di impianti fotovoltaici in Lombardia: nel 2018 è entrato in esercizio il 17,8% del totale nazionale. Secondo i dati dell Rapporto Statistico sul Solare Fotovoltaico 2018 del GSE (Gestore dei Servizi Energetici), la Lombardia, con 125.250 impianti, è la regione che può vantare il maggior numero di impianti fotovoltaici installati, seguita da Veneto (114.264) ed Emilia-Romagna (85.156). Se la Lombardia è la prima regione per numero di impianti fotovoltaici entrati in esercizio nel 2018, è la Puglia a detenere il primato nazionale con 2.652 MW di potenza installata e 3.438 GWh di energia elettrica prodotta. Nel 2018 in Italia sono entrati in esercizio oltre 48mila impianti fotovoltaici per una potenza di 440 MW. Maggiore concentrazione di impianti si rileva proprio nel Nord Italia (55% circa del totale italiano).

In Italia, alla fine dell’anno scorso, risultavano 822.301 impianti per una potenza totale di 20.108 MW e una produzione di 22.654 GWh, circa il 7% del consumo interno lordo di energia elettrica. Su un totale di 115.000 GWh prodotti da fonti rinnovabili in Italia, il fotovoltaico copre circa il 20%. Il tema delle energie alternative e in particolare del fotovoltaico entrerà di diritto nell’appuntamento annuale di Engie Italia, in programma a Milano venerdì 27 settembre alla Fondazione Catella, che affronta temi di interesse collettivo con il contributo di istituzioni, aziende e cittadini. “PIUPERMENOCO2” è il titolo del Forum, che fornisce, attraverso accreditate ricerche del Politecnico diMilano, di Euromedia e Anci, una fotografia sullo stato dell’arte della percezione del cambiamento climatico e dell’impatto della CO2 da parte di cittadini, aziende e comuni.

Roberto Aquilini, Director Strategy&Public Affair Engie, informa che al Forum si parlerà anche degli obiettivi della strategia energetica 2030: «Il boom del fotovoltaico è un’ottima notizia ma la crescita delle rinnovabili nel 2018 è molto lenta rispetto agli obiettivi di decarbonizzazione 2030. È fondamentale incrementare il fotovoltaico distribuito in autoconsumo che oggi non è così veloce. Ad esempio, le attuali norme non favoriscono l’autoconsumo sui tetti dei condomini. Servono leggi più incentivanti e azioni concrete di soggetti pubblici e privati per raggiungere gli obiettivi italiani di decarbonizzazione».