Milano, 25 novembre 2018 -

LETTERA

Mi spiace per Elena Fanchini, ho visto il video della sciatrice azzurra che annuncia il suo ritiro dopo la caduta in allenamento. Le fratture, altri mesi di stop dopo aver lottato per mesi contro un tumore. Normale che uno pensi a una sorte di accanimento, ma visto il carattere che finora ha mostrato spero che riesca a rialzarsi anche stavolta. Se lo merita e ce la può fare. Paolo, Brescia

RISPOSTA

Un abbraccio, la reazione spontanea al messaggio di Elena Fanchini. Le lacrime la rendono ancora più vincente e tosta, un esempio di tenacia che porterà nelle sue nuove imprese nella vita. Nelle sue parole non c’è rassegnazione, ma già un pianificare il recupero. Resta il ritiro dalle competizioni, doloroso, ma il pensiero è già rivolto altrove. «Questo infortunio è stata una batosta, ma per cinque giorni ho coronato il mio sogno - ha detto in lacrime - di tornare sulla neve, a sciare». Al di là dello sconforto momentaneo c’è da aspettarsi che riuscirà a rialzarsi e tornare sugli sci, magari non in gara ma per formare campioni. Ha tanto da dare, lo ha dimostrato e lo dimostrerà. Auguri, campionessa. ivano.costa@ilgiorno.net​