Invia tramite email Condividi Condividi su Instagram Effettua l'accesso col tuo utente QN Il Giorno Tutte le ultime notizie in tempo reale dalla Lombardia il Resto del Carlino Tutte le notizie in tempo reale dall'Emilia Romagna e dalle Marche Il Telegrafo Tutte le news di oggi di Livorno La Nazione Tutte le notizie in tempo reale dalla Toscana e dall'Umbria QuotidianoNet Tutte le ultime notizie nazionali in tempo reale Tweet WhatsApp Canale YouTube
Cronaca Sport Cosa fare

EDIZIONI

Abbonamenti

Leggi il giornale

Network

Quotidiano.net il Resto del Carlino La Nazione Il Giorno Il Telegrafo

Localmente

Codici Sconto

Speciali

Ruote intelligenti sulle strade per “leggere” buche e ostacoli

L'azienda bresciana Fasternet coordina il progetto

di BEATRICE RASPA
Ultimo aggiornamento il 30 marzo 2017 alle 08:07
Arrivano le ruote intelligenti

Borgosatollo (Brescia), 30 marzo 2017 - Un concentrato di industria 4.0 in una ruota intelligente per veicoli inventata nel Bresciano, che “legge” l’asfalto e trasferisce in tempo reale i dati a chi si occupa di riparazione delle strade. L’azienda Fasternet di Borgosatollo, specializzata in sicurezza di reti e dati e in soluzioni di networking (ha fatto parte tra l’altro della cordata di imprese che ha realizzato l’albero della vita di Expo) è regista di un gruppo di aziende e istituzioni che hanno dato vita al progetto. Una ruota munita di sensori che stilano una carta d’identità delle buche, le localizzano, ne registrano dimensioni e profondità e poi inviano il risultato a un computer. Le potenzialità sono notevoli. «Si potrebbe fare manutenzione mirata – spiega l’amministratore di Fasternet Giancarlo Turati - con risparmio di tempo e risorse». Mentre Turati seguiva il cluster lombardo sulla mobilità, si è accesa una lampadina.

«Ci si concentrava solo su veicoli a doppia alimentazione e alleggerimento dell’alluminio, mentre io pensavo agli utilizzi della sensoristica – continua -. Le sospensioni dei mezzi rispondono alle sollecitazioni del terreno e se inseriamo un sensore tridimensionale possiamo ricavarne informazioni». È bastato un giro esplorativo tra i partecipanti al cluster per raccogliere un’adesione trasversale. «Pensiamo per esempio anche alle assicurazioni - sottolinea - con in mano dati sul manto stradale si rendono disponibili parametri aggiuntivi per attutire le responsabilità di chi è al volante». Oltre a Fasternet hanno per ora sottoscritto un documento di lavoro Gefran spa (di Provaglio d’Iseo), Qmap (Roma) Trt trasporti e territorio srl e Ibs srl (Milano), l’azienda del trasporto pubblico Stav spa (Vigevano), il centro servizi partecipato da Comune, Provincia, Camera di Commercio e Università di Brescia, il Broletto, Vehicle Engineering & Design Srl. E alla lista sono pronti ad aggiungersi il Politecnico di Milano e un’altra primaria azienda informatica italiana il cui nome è al momento top secret. «Abbiamo creato tre gruppi per procedere allo studio di fattibilità – continua Turati, che mira a realizzare un prototipo entro l’anno e pensa a una sperimentazione su veicoli commerciali e sui bus pubblici di Vigevano -. Se sarà possibile ci agganceremo a bandi europei».

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.