Invia tramite email Condividi Condividi su Instagram Effettua l'accesso col tuo utente QN Il Giorno Tutte le ultime notizie in tempo reale dalla Lombardia il Resto del Carlino Tutte le notizie in tempo reale dall'Emilia Romagna e dalle Marche Il Telegrafo Tutte le news di oggi di Livorno La Nazione Tutte le notizie in tempo reale dalla Toscana e dall'Umbria QuotidianoNet Tutte le ultime notizie nazionali in tempo reale Tweet WhatsApp Canale YouTube
Cronaca Sport Cosa fare

EDIZIONI

Abbonamenti

Leggi il giornale

Network

Quotidiano.net il Resto del Carlino La Nazione Il Giorno Il Telegrafo

Localmente

Codici Sconto

Speciali

Turismo, sul lago di Garda c’è il pienone: occupato il 90% delle stanze

Sono i dati delle vacanze di fine anno, ma c'è ottimismo anche per l'estate

di F.PAC.
Ultimo aggiornamento il 4 gennaio 2017 alle 07:13
Il castello di Sirmione

Sirmione, 4 gennaio 2017 - Oltre il 90% di camere occupate negli alberghi sul Garda, che si sta affermando tra le mete preferite per trascorrere le festività di fine anno. «Siamo molto contenti – commenta Fabio Barelli, presidente del Consorzio albergatori e ristoratori di Sirmione, che gestisce l’Hotel Catullo –. C’è stata molta affluenza nei giorni di fine anno, tanto che ormai sempre più operatori, tra alberghi e ristoranti, decidono di aprire nonostante il periodo sia piuttosto ristretto». La maggior parte degli ospiti sono italiani, ma quest’anno si è allargata anche la fetta degli stranieri che hanno scelto il Benaco per brindare al 2017. L'offerta di servizi extra-alberghieri non preoccupa le strutture più tradizionali, anche perché il Comune di Sirmione ha messo in atto una serie di controlli per punire i furbetti che affittano camere e case senza rispettare le regole. «Se è a norma – commenta Barelli – l’offerta extra-alberghiera è comunque una cosa positiva, perché porta turisti. Per quanto riguarda questo periodo dell’anno, i clienti cercano pacchetti più completi, ad esempio l’abbinamento tra pernottamento e cenone, per cui sono premiate le strutture più classiche».

Se l’anno è iniziato bene, le prospettive per i prossimi mesi sono anche più rosee. Secondo gli ultimi dati disponibili, il lago vale l’1% del movimento turistico di tutta l’Europa, con oltre 23 milioni di turisti attirati sulle tre sponde, di cui quasi 8 su quella bresciana. «Stanno arrivando già le prenotazioni per i mesi estivi – conferma Barelli – e stiamo facendo delle fiere in giro per l’Europa per promuovere la nostra offerta ulteriormente. Siamo ottimisti per il futuro».

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.