Invia tramite email Condividi Condividi su Instagram Effettua l'accesso col tuo utente QN Il Giorno Tutte le ultime notizie in tempo reale dalla Lombardia il Resto del Carlino Tutte le notizie in tempo reale dall'Emilia Romagna e dalle Marche Il Telegrafo Tutte le news di oggi di Livorno La Nazione Tutte le notizie in tempo reale dalla Toscana e dall'Umbria QuotidianoNet Tutte le ultime notizie nazionali in tempo reale Tweet WhatsApp Canale YouTube
Cronaca Sport Cosa fare

EDIZIONI

Abbonamenti

Leggi il giornale

Network

Quotidiano.net il Resto del Carlino La Nazione Il Giorno Il Telegrafo

Localmente

Codici Sconto

Speciali

The Floating Piers, il dopo passerella? E' ancora boom di turisti

L'artista bulgaro Christo ha moltiplicato il numero di arrivi e presenze. Se il trend verrà mantenuto, si supererà per la prima volta il tetto dei 500mila

Ultimo aggiornamento il 24 settembre 2016 alle 13:44
Folla per The Floating Piers

Brescia, 24 settembre 2016 - The Floating Piers, la passerella galleggiante sul lago d'Iseo, realizzata dall'artista bulgaro Christo, ha movimentato non poco la zona, portando numerosi turisti. Secondo dati del comune bresciano da gennaio ad agosto gli arrivi sono aumentati del 45% (+105% a giugno) mentre le presenze del 33%. Se questo trend verrà mantenuto Iseo supererà per la prima volta nella sua storia il tetto delle 500mila presenze. A fine 2015 erano state complessivamente 377 mila.

Nelle circa 70 strutture alberghiere ed extralberghiere del Comune, secondo i dati diffusi oggi, a fine agosto si sono contati oltre 112 mila arrivi e 440 mila. Se il boom di arrivi c'è stato nei giorni di Floating Piers, il traino dell'opera di Christo si è fatto sentire anche prima dell'evento: a marzo le presenze sono cresciute del 131% e in particolare negli esercizi extralberghieri sono addirittura quadruplicate (+300%). L'incremento si è mantenuto costante anche nei mesi successivi con un +41% a luglio ed un più + 11% ad agosto. "Arrivi e presenze in aumento non solo nei mesi estivi, ma anche nel periodo di bassa stagione - spiega Riccardo Venchiarutti, Sindaco di Iseo e presidente dell'AGT - sono certamente ascrivibili all'effetto Christo, ma vogliamo pensare che siano in minima parte anche risultato del lavoro di promozione europea portato avanti negli ultimi anni grazie anche al network dei laghi europei".

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.