Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Giorno logo
21 apr 2022

Urago d'Oglio, travolge e uccide un pensionato: carcere per il pirata

L’incidente nel Bresciano, il 50enne era al volante ubriaco

21 apr 2022
beatrice raspa
Cronaca
Francesco Prete Procuratore Capo presso Tribunale di Brescia, Convegno Apindustria Le Infiltrazioni mafiose nelle imprese, Villa Fenaroli, Rezzato, 12 novembre 2021. Ansa Davide Brunori
Francesco Prete, procuratore Brescia
Francesco Prete Procuratore Capo presso Tribunale di Brescia, Convegno Apindustria Le Infiltrazioni mafiose nelle imprese, Villa Fenaroli, Rezzato, 12 novembre 2021. Ansa Davide Brunori
Francesco Prete, procuratore Brescia

 

Brescia, 22 aprile 2022 - Rimarrà in carcere il cinquantenne pirata della strada che lunedì sera a Urago d’Oglio ha travolto e ucciso in auto Guglielmo Marini, 77 anni, di Palazzolo, per poi dileguarsi nell’oscurità. L’automobilista era al volante ubriaco, hanno accertato le analisi del sangue effettuate nella notte, quando gli è stato riscontrato un tasso alcolemico di 2.05, circa quattro volte il limite consentito. È stato arrestato per omicidio stradale e omissione di soccorso. Ieri il gip Elena Stefana - davanti a cui l’uomo è rimasto in silenzio - ha convalidato l’arresto e disposto il carcere.

Per la prima volta ha trovato applicazione un innovativo protocollo siglato nei mesi scorsi tra procura di Brescia e ospedale Civile sull’esecuzione in tempi rapidi, compatibili con l’arresto in flagranza e semiflagranza, delle analisi per accertare la presenza di droga e alcol nel sangue di conducenti autori di incidenti gravi. "Chi commette un omicidio stradale sappia che non se caverà con una pacca sulla spalla – sottolinea il procuratore Francesco Prete –: è prevista la carcerazione". Muratore in pensione, la vittima la sera di Pasquetta stava andando a recuperare la moglie a casa di alcune amiche a Rudiano.

Trovandosi la strada chiusa per una fiera di paese, aveva lasciato l’auto vicino a un bar e si era incamminato a piedi sulla Provinciale. Appena prima del sottopassaggio della Brebemi, dopo le 21, orario in cui ha risposto all’ultima telefonata della consorte, è stato falciato dalla Jaguar del cinquantenne, originario della Bosnia, residente a Rudiano, che ha sbalzato il pensionato nel fosso e se n’è andato. Non riuscendo più a mettersi in contatto con lui, la moglie di Marini ha avvertito il 112.

I carabinieri di Chiari hanno perlustrato i dintorni rinvenendo pezzi di carrozzeria di un’auto e poco distante l’anziano privo di vita. L’analisi delle telecamere e dei varchi hanno permesso di individuare una serie di vetture, tra cui la Jaguar, trovata danneggiata. Sottoposto alle analisi del sangue, il proprietario è risultato ubriaco, ad alcune ore dall’incidente.

 

 

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?