Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Giorno logo
10 giu 2022

Caso Del Gaudio, battaglia in aula: Il Dna del marito? Solo un errore

Delitto di Seriate, confronto in Appello fra il perito di parte e il Ris: "Contaminazione nei laboratori"

10 giu 2022
gabriele moroni
Cronaca
Gianna Del Gaudio e il marito Antonio Tizzani Fra loro un rapporto burrascoso In alto al centro il genetista di parte Giorgio Portera Sopra a destra la nuora Alessandra Manenti
Gianna Del Gaudio e il marito Antonio Tizzani
Gianna Del Gaudio e il marito Antonio Tizzani Fra loro un rapporto burrascoso In alto al centro il genetista di parte Giorgio Portera Sopra a destra la nuora Alessandra Manenti
Gianna Del Gaudio e il marito Antonio Tizzani

Brescia, 11 giugno 2022 -  Cutter, Dna, contaminazione impossibile, possibile o probabile? C’è stato un precedente di contaminazione nei laboratori del Ris reso pubblico dal difensore e dal suo consulente. Replica dell’operatore: questo significa che il sistema di controllo ha segnalato l’anomalia ed è stata rimossa. Non sono state rispettate le linee guida. Le linee guida, è la risposta, non sono scolpite nella pietra. Davanti alla Corte d’Assise d’appello di Brescia il lungo contradditorio-duello-battaglia fra il maresciallo Dario Capatti, della sezione di biologia del Ris di Parma, e il genetista forense Giorgio Portera, è l’architrave della seconda udienza del processo ad Antonio Tizzani. In primo grado l’ex capostazione (oggi 74 anni) è stato assolto per non avere commesso il fatto dall’accusa di avere sgozzato la moglie Gianna Del Gaudio, 63 anni, insegnante in pensione, la notte fra il 26 e il 27 agosto 2016, nel loro villino in via Madonna delle Nevi, a Seriate (Bergamo). Due mesi dopo il taglierino era stato trovato in una siepe, a seicento metri dall’abitazione, in un sacchetto delle mozzarelle che venivano consegnate in casa Tizzani. Nel sacchetto anche un paio di guanti con un Dna sconosciuto. La lama era incrostata del sangue rappreso della vittima. In una posizione nascosta, sotto l’impugnatura di gomma, uno dei sedici prelievi effettuati aveva rinvenuto il Dna di Tizzani. Davanti alla Corte d’Assise di Bergamo il genetista Portera aveva portato la tesi che questo potesse essere il frutto di una contaminazione nei laboratori del Ris, dopo l’apertura di un campione salivare che conteneva il Dna dell’indagato, prima di nuovi esami sul cutter, in assenza del consulente della difesa. Antonio Tizzani è in aula. Ha sempre negato che il cutter fosse suo. Segue con attenzione, ascolta l’esperto di Parma definire "altamente improbabile" la contaminazione. In tutte le analisi di quel ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?