Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Giorno logo
22 mar 2022

Latte materno inquinato: la mappa del rischio, dove le donne rischiano di più

Tracce di Pcb maggiori nel Bresciano rispetto a tutti gli altri territori in Italia ed Europa. "Peggio solo in Ucraina" 

22 mar 2022
federica pacella
Cronaca
Il latte materno favorisce lo sviluppo del sistema immunitario del neonato
Il latte materno favorisce lo sviluppo del sistema immunitario del neonato
Il latte materno favorisce lo sviluppo del sistema immunitario del neonato
Il latte materno favorisce lo sviluppo del sistema immunitario del neonato

La buona notizia è che si conferma la riduzione della concentrazione di Pcb nel sangue dei bresciani. La cattiva è che, comunque, nel latte materno delle donne bresciane, anche di aree considerate non esposte al Pcb, ci sono concentrazioni maggiori di questo inquinante rispetto ad altri territori in Italia ed Europa. Questo in sintesi il quadro che emerge dalle due relazioni, rese disponibili nei giorni scorsi da Ats, sugli ultimi studi condotti sulla popolazione bresciana, per valutare l’esposizione agli inquinanti “tipici“ del Sin Caffaro, ovvero Pcb, diossine e furani. Per quanto riguarda l’aggiornamento del follow-up al 2018 di persone con elevato Pcb-ematico (pubblicato l’11 marzo scorso), "i risultati confermano un’ulteriore riduzione rispetto al precedente rapporto del 2015 del 4% dei Pcb nel siero dei soggetti seguiti con il follow-up", sintetizza l’Isde – medici per l’ambiente Brescia. Una tendenza alla riduzione nel tempo la rileva anche l’Istituto superiore di Sanità nella relazione ("pubblicata dall’Ats con ingiustificato ritardo", chiosa Celestino Panizza di Isde) sul monitoraggio su diossine, furani e Pcb condotto tra novembre 2015 ed ottobre 2018. Il confronto tra 41 donne residenti a Brescia e zone limitrofe considerate “esposte“ all’inquinamento Caffaro ed altre 41 provenienti da un’area a presumibile contaminazione di fondo evidenzia che "le differenze di concentrazione tra i due gruppi di donatrici sono risultate significative", con una forte correlazione con l’età.

Per quanto riguarda le concentrazioni dei composti, le mediane di diossine, furani e Pcb-diossina simile (tossici) è del 33% in più nelle donne quelle “esposte“; per diossine e furani si parla del 25%; per Pcb-diossina simili il 45%. Per i Pcb-non diossina simili, la variazione scende al 12-13%. "Si evince – commenta Panizza - che la concentrazione nel latte materno di diossine e Pcb è significativamente maggiore nelle donne residenti nei comuni della provincia identificate a priori come più soggette ad esposizioni incrementali a questi inquinanti. Si conferma, in coerenza con studi di monitoraggio condotti su varie popolazioni su scala globale che vi è una riduzione dell’esposizione a diossine e PCB e quindi si riduce la contaminazione anche nel latte materno, tuttavia a livelli decisamente più elevati sia nelle aree a maggior rischio che a rischio “minore“". In tutte le 82 puerpere bresciane, la mediana PCB misurati è di 185,83 ng/g grasso mentre, ad esempio, nello studio studio della Provincia di Trento 2011-2012 e nello studio Studio c 2011-2013 le concentrazioni riscontrate erano rispettivamente di 64,8 e di 75 ng/g grasso. "Nei confronti internazionali la situazione italiana è decisamente molto preoccupante, secondo solo a quello delle donne ucraine, e giustifica un monitoraggio stringente".

 

 

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?