Gottolengo (Brescia), 10 aprile 2018 - È stata eseguita l'autopsia sul corpo di Nicole, la bambina bresciana di quattro anni morta a causa di un'infezione partita da un'otite.  A svolgere l’esame autoptico due medici genovesi:  il professore Francesco Ventura medico legale dell’Università di Genova e la dottoressa Antonella Palmieri dell’ospedale pediatrico Gaslini sempre di Genova.

I due consulenti tecnici nominati dalla Procura cercheranno di fare chiarezza sulle cause del decesso e soprattutto aiutare gli inquirenti a capire se la morte della piccola Nicole poteva essere evitata con una diagnosi più tempestiva. Da un mese infatti la bimba si lamentava per dolori all’orecchio e al collo. I giovani genitori l’avevano portata dalla pediatra che si era limitata a prescrivere delle gocce per l’otite quindi avevano deciso di farla vedere in ospedale prima a Manerbio e quindi alla Poliambulanza di Brescia dove però i medici avevano deciso di non ricoverarla. Solo quando la bambina è arrivata al Civile di Brescia si è scoperta l’infezione. Nicole è stata operata, ma tre giorni dopo l’intervento è deceduta. L'esito sarà reso noto nelle prossime settimane. La salma della bambina sarà trasferita, mercoledì mattina, nella casa della famiglia a Gottolengo, in provincia di Brescia, dove sarà allestita la camera ardente. La Procura di Brescia ha infatti firmato il nullaosta alla sepoltura. I funerali saranno celebrati venerdì alle 15 a Gottolengo. La famiglia ha dato il consenso per l'espianto degli organi.

LORENZIN: "FATTO GRAVISSIMO" - "Un fatto gravissimo che lascia sgomenti". Cosi' il ministro della Salute, Beatrice Lorenzin, sulla morte della piccola Nicole. Lorenzin, a margine di un convegno sul digitale a Bruxelles, ha ricordato che il ministero ha inviato gli ispettori per fare luce sulla vicenda, ma "non sappiamo ancora niente", ha aggiunto. "E' un fatto gravissimo che anche come genitori ci lascia tutti sgomenti".