Quotidiano Nazionale logo
16 feb 2022

Fuga di mezzanotte nelle carceri italiane

Le clamorose proteste dei detenuti a Brescia hanno fatto tornare a galla problemi endemici come sovraffollamento e carenza di personale

federica pacella
Cronaca

di Federica Pacella Sovraffollamento, presenza di detenuti con problemi psichiatrici, organico sottodimensionato rispetto alle esigenze, strutture vetuste. È in questo campo minato da criticità croniche, aggravato negli ultimi mesi dagli effetti della pandemia, che si sono sviluppati i disordini registrati lunedì pomeriggio al ‘Nerio Fischione’, casa circondariale di Brescia. Una cinquantina i detenuti coinvolti nella sezione nord: uno, in particolare, ha appiccato il fuoco al materasso e a ogni cosa all’interno della propria cella provocando un intenso fumo all’interno della struttura; un altro si è arrampicato dalla rotonda fino al terzo piano mettendo in serio pericolo la propria vita in caso di caduta. Anche dalla sezione sud si è sollevato fumo e fuoco derivato dai materassi dati alle fiamme. Inoltre, sono state lanciate bombolette di gas perforate ed incendiate contro il personale (fortunatamente nessuno degli Agenti intervenuti si è fatto male). Divelte anche delle telecamere dell’impianto di videosorveglianza, mentre secchi dello sporco sono stati lanciati verso i poliziotti. Nel frattempo tutti i detenuti del carcere battevano con le stoviglie di metallo o altri oggetti contro le porte blindate delle celle. "Disordini come mai ho visto in 22 anni di servizio", ha commentato Antonio Fellone, Segretario Generale Aggiunto del SiNAPPe, sindacato autonomo della polizia penitenziaria. La situazione è rientrata grazie al lavoro degli agenti bresciani, ma erano già pronti adintervenire anche agenti di altre province. "Sembra che i motivi dei disordini derivano da un lato per futili motivi e dall’altro da una forma di emulazione da parte di tanti altri detenuti", ha commentato Calogero Lo Presti, coordinatore regionale della Fp Cgil Polizia Penitenziaria. "La situazione è rientrata già nella giornata di lunedì, seppur con grande difficoltà, anche dal punto di vista emotivo per i poliziotti. Con le altre organizzazioni sindacali stiamo cercando di mettere in campo una iniziativa, perché la politica penitenziaria ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?