Gorlago, la casa dove viveva Stefania Crotti con il marito
Gorlago, la casa dove viveva Stefania Crotti con il marito

Erbusco, 19 gennaio 2019 - La principale indiziata per l'omicidio di Stefania Crotti è una donna di 43 anni originaria della Bergamasca. La vittima, 42 anni, era scomparsa mercoledì da Cenate Sotto, nella Bergamasca. Il corpo carbonizzato è stato trovato ieri nei campi della località Sala di Erbusco, sul confine con Adro.

Il marito della donna, Stefano Del Bello, che ha sporto denuncia di scomparsa, ha trascorso la mattinata dai carabinieri per rendere la propria testimonianza. È stato lui ha riconoscere la fede e un altro anello che la donna indossava. È ritenuto estraneo ai fatti. Dietro al delitto il movente sarebbe passionale e i carabinieri hanno interrogato una donna, che avrebbe avuto una storia con il marito di Stefania Crotti, in caserma a Bergamo. Durante l'interrogatorio l'indiziata era assistita da un avvocato.

Stefania, mamma di una bambina di sette anni, è stata probabilmente prima uccisa e poi bruciata.  Le tracce della donne si erano perse alle 15.30, dopo che era uscita dal suo posto di lavoro a Cenate. La principale indiziata è stata rintracciata dai carabinieri proprio grazie alle telecamere di sorveglianza dell'azienda. I famigliari, dopo esser stati in caserma, avevano affidato anche un appello ai social network, diffondendo la fotografia della donna.