Invia tramite email Condividi Condividi su Instagram Effettua l'accesso col tuo utente QN Il Giorno Tutte le ultime notizie in tempo reale dalla Lombardia il Resto del Carlino Tutte le notizie in tempo reale dall'Emilia Romagna e dalle Marche Il Telegrafo Tutte le news di oggi di Livorno La Nazione Tutte le notizie in tempo reale dalla Toscana e dall'Umbria QuotidianoNet Tutte le ultime notizie nazionali in tempo reale Tweet WhatsApp Canale YouTube
Cronaca Sport Cosa fare

EDIZIONI

Abbonamenti

Leggi il giornale

Network

Quotidiano.net il Resto del Carlino La Nazione Il Giorno Il Telegrafo

Localmente

Codici Sconto

Speciali

Nuvolera, resta in carcere il 34enne che ha minacciato col fucile la famiglia

Disposta la custodia cautelare per l'uomo che ha anche dato fuoco a due veicoli del fratellastro

di PAOLO CITTADINI
Ultimo aggiornamento il 8 settembre 2018 alle 18:08
L'incendio a Nuvolera appiccato dopo la lite in famiglia (foto LaPresse)

Brescia, 8 settembre 2018 - Resta in carcere Nicola Alberti, il 34enne che mercoledì pomeriggio ha fatto irruzione nella case del padre a Nuvolera e dopo una accesa e violenta lite con il fratellastro avrebbe minacciato con un coltello e un fucile i familiari presenti. In preda all'ira l'uomo si era poi diretto nel cortile della casa e lì aveva dato fuoco a due mezzi, una autovettura e un furgone, di proprietà del fratellastro. Il fumo sprigionatosi dall'incendio era entrato nell'abitazione intossicando lievemente la nonna dell'uomo. Alberti, padre di due bambine, si era poi allontanato andando a cosegnarsi ai carabinieri.

Nel frattempo da Brescia erano arrivati i reparti speciali dell'Arma preoccupati che il 34enne potesse tenere in ostaggio i familiari e magari perdere la testa. Alberti, accusato di minacce oltre che di incendio e detenzione di arma da fuoco, era stato arrestato in tarda serata e condotto in carcere a Brescia. Il gip Alessandra Sabatucci non ha convalidato l'arresto, ma ha disposto lo stesso la custodia in carcere in attesa che l'uomo chiarisca i motivi e la dinamica della lite in cui è pure lui rimasto ferito al volto. "Ho sbagliato, mi spiace per quello che ho fatto - ha spiegato Alberti nel corso dell'interrogatorio di convalida in cui si è avvalso della facoltà di non rispondere - Sono pronto a risarcire i danni che ho provocato".

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.