Quotidiano Nazionale logo
17 feb 2022

Canton Mombello, gli agenti esasperati sabato incrociano le braccia

Due ore di presidio e un’assemblea dopo i tumulti di San Valentino: "Lavoriamo in condizioni precarie e d’insicurezza"

Il «j’accuse» dei sindacati di polizia è rivolto all’Amministrazione penitenziaria
Il «j’accuse» dei sindacati di polizia è rivolto all’Amministrazione penitenziaria
Il «j’accuse» dei sindacati di polizia è rivolto all’Amministrazione penitenziaria

I lavoratori impiegati nella casa circondariale Nerio Fischione di Brescia sono stanchi e questo sabato terranno un presidio e una assemblea sindacale della polizia penitenziaria di fronte al carcere: dalle dieci a mezzogiorno. Ad aumentare il senso di disagio degli addetti che lavorano a Canton Mombello sono stati i tumulti verificatisi durante la serata del giorno di San Valentino, quando un detenuto ha appiccato il fuoco al materasso all’interno della propria cella provocando un intenso fumo anella struttura, mentre un altro si è arrampicato dalla rotonda fino al terzo piano mettendo in serio pericolo la propria vita in caso di caduta. Non solo: sono state lanciate bombolette di gas incendiate contro il personale. Sono anche state divelte alcune telecamere dell’impianto di videosorveglianza e lanciati secchi contenti spazzatura verso i poliziotti penitenziari. Nel frattempo tutti i detenuti del carcere hanno fatto rumore con stoviglie di metallo o altri oggetti contro le porte blindate delle celle. "I sindacati del personale di Polizia Penitenziaria in servizio presso la Casa Circondariale di Brescia manifestano dinanzi al carcere la propria rabbia e senso di frustrazione per le insostenibili condizioni lavorative all’interno del carcere cittadino – dicono i sindacati in modo unitario –. Non passa giorno in cui i poliziotti non rischino la propria pelle". Secondo i rappresentanti dei lavoratori le guardie carcerarie ogni giorno hanno a che fare con disordini, atti di autolesionismo, detenuti psichiatrici o tossicodipendenti. All’interno del Nero Fischione le celle, secondo quanto appreso dalle sigle sindacali, sono sovraffollate con punte del 200%. Di per contro manca personale. "L’Amministrazione Penitenziaria non ha fatto nulla per migliorare le condizioni di sicurezza lavorative – si legge in un volantino diramato per avvisare del presidio in previsione per questo sabato- La gestione lascia a desiderare. Le relazioni sindacali son precarie. I sindacati, nonostante avessero chiesto un ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?