Gli Alpini della Brigata Julia durante la sfilata di ieri pomeriggio per le strade di Edolo
Gli Alpini della Brigata Julia durante la sfilata di ieri pomeriggio per le strade di Edolo

Edolo (Brescia), 7 luglio 2018 - Da questa mattina l’Adamello, considerata l’Alpe per eccellenza del bresciano coni suoi 3.539 metri, diventerà un luogo sacro della Patria, andando ad affiancare il Piave e il Monte Grappa nel centenario della fine della Grande guerra. Le celebrazioni si sono aperte ieri, con un convegno sulla storia e il ruolo delle Crocerossine, il concerto della Fanfara della Brigata Julia e del Coro Voci della Rocca e Baitone, serviti a movimentare la Notte Tricolore. Nel pomeriggio è anche stata inaugurata la mostra della nostra Milla Prandelli, corrispondente da Brescia de Il Giorno. Prandelli, che è anche fotografa, da ieri al 15 settembre esporrà le proprie fotografie nella Base Logistica dell’Esercito Italiano di Edolo grazie alla disponibilità dello Stato Maggiore della Difesa e dell’Esercito oltre che del comandante colonnello Leonardo Muciacciaro.

Le mostre sono due: «Sguardi di Pace, Guardini di Pace. Viaggio in Aghanistan al seguito delle Forze Armate Italiane», con cui ha vinto il premio Sodalitas e «Cuore Tricolore», un progetto speciale voluto dall’Associazione Impronta Camuna, che ha organizzato tutte le manifestazioni con il coordinamento della Prefettura di Brescia e la collaborazione delle Forze Armate, della Guardia di Finanza, del Gruppo Alpini di Edolo e di vari volontari appartenenti al comitato organizzatore presieduto dall’ammiraglio brenese Luigi Binelli Mantelli. Alle 12, 15 a Edolo arriverà anche il treno storico a vapore che ricrea una delle tradotte che ai tempi della prima Guerra Mondiale conducevano i militari verso i luoghi della Guerra Bianca in Adamello. A bordo del convoglio, organizzato da Trenord, vi saranno figuranti in divisa antica risalente alla prima guerra mondiale. In ogni stazione (Iseo, Pisogne, Darfo, Breno, Malonno e Edolo), sulla tratta da Iseo ad Edolo, è prevista una speciale accoglienza per il treno a vapore. Prima di arrivare a Edolo il convoglio sosterà in vari centri della valle. In mattinata, alle 6.55, invece da Brescia partirà un treno gratuito per gli iscritti alle Associazioni d’Arma. Alle 12 è invece previsto il sorvolo della Valcamonica da parte di tre Tornado in forza alla base di Ghedi. La parte clou della manifestazione prevede l’ammassamento alle otto del mattino e la partenza del corteo che dalla piazza del Comune attraverserà le vie di Edolo per arrivare al campo sportivo del paese, dove si terranno i discorsi ufficiali e la Santa Messa.

In seguito sarà consegnato il Premio Impronta Camuna, che quest’anno andrà alle Truppe Alpine, al Cardinale camuno Giovanni Battista Re e all’Associazione Nazionale Alpini. Nel frattempo, in quota l’arcivescovo Santo Marcianò, ordinario militare da un elicottero benedirà la cima dell’Adamello dove è posizionato un tricolore grande 50 metri per otto. In serata alla Base Logistica si terrà una serata dedicata al capitano Sora, comandante dell’ormai scomparso Battaglione Edolo. Sarà anche visitabile il museo ad esso dedicato che si trova presso la sede Ana del paese. Domani alle 10.30 all’Alpe Mola si terrà una Santa Messa in memoria del Beato Carlo Gnocchi. In vetta all’Adamello sarà possibile salire solo a piedi e adeguatamente attrezzati.