Invia tramite email Condividi Condividi su Instagram Effettua l'accesso col tuo utente QN Il Giorno Tutte le ultime notizie in tempo reale dalla Lombardia il Resto del Carlino Tutte le notizie in tempo reale dall'Emilia Romagna e dalle Marche Il Telegrafo Tutte le news di oggi di Livorno La Nazione Tutte le notizie in tempo reale dalla Toscana e dall'Umbria QuotidianoNet Tutte le ultime notizie nazionali in tempo reale Tweet Accedi al tuo account Clicca qui per accedere al tuo account WhatsApp Canale YouTube
Cronaca Sport Cosa fare

EDIZIONI

Abbonamenti

Leggi il giornale

Network

Quotidiano.net il Resto del Carlino La Nazione Il Giorno Il Telegrafo

Localmente

Codici Sconto

Speciali

Serie B, il Brescia vuole diventare più cinico

Il pareggio subito nel finale dal Perugia conferma che le Rondinelle, pur giocando un buon calcio, devono crescere nella gestione della fase finale delle partite

di LUCA MARINONI
Ultimo aggiornamento il 25 agosto 2018 alle 13:06
Dimitri Bisoli ha siglato lo splendido gol del vantaggio e causato il rigore del pareggio

Brescia, 25 agosto 2018 - Il Brescia ha accolto con l'amaro in bocca il pareggio con il Perugia maturato al termine della prima giornata. Ancora una volta il "veleno" per le Rondinelle è giunto nel finale, con il rigore che ha fruttato l'1-1 definitivo maturato a pochi istanti dalla conclusione del recupero. L'allenatore biancazzurro David Suazo, però, ha subito cercato di spingere in avanti il suo sguardo e di trarre insegnamenti utili da questa prima gara: "La squadra deve maturare ed essere in grado di gestire i minuti finali - è stata l'analisi del tecnico honduregno che ha fatto il suo esordio su una panchina di serie B - Ritengo che abbia bisogno di diventare più cinica. I ragazzi hanno disputato un'ottima gara, hanno fatto vedere disponibilità e si sono impegnati al massimo. Anche quando siamo rimasti in dieci abbiamo conservato equilibrio e non abbiamo sofferto in modo particolare. Dovevamo riuscire a chiudere la partita prima, visto che le occasioni le abbiamo avute".

Mister Suazo ha proiettato i singoli episodi all'analisi che lui ed i suoi giocatori effettueranno proprio per evitare che fatti isolati e situazioni individuali finiscano per influire in modo negativo sul rendimento di tutto il gruppo che pure è parso positivo. Positivo e promettente anche per il presidente Massimo Cellino, che ha dato tempo alla sua squadra per crescere ancora e per mettere sul campo dall'inizio alla fine tutto il suo valore: "Abbiamo fatto una buona prova, subire il pareggio in quel modo in pieno recupero fa davvero rabbia. La squadra deve diventare più cinica e crescere nella gestione dei vari momenti della partita. Ci sono qualità e giocatori per fare bene, dobbiamo maturare e crescere". Una crescita che potrebbe trasformare la delusione per il pareggio inaugurale in uno stimolo in più per raccogliere il massimo nel prosieguo del cammino stagionale: "In effetti - è il proposito di David Suazo - con il Perugia abbiamo perso due punti. Saranno per noi uno stimolo importante per mettere in campo già dal prossimo incontro tutto quello che abbiamo e conquistare il risultato desiderato".

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.