Brescia, 5 marzo 2018 - Dopo due rinvii consecutivi il Brescia è pronto a restituire la parola al campo. Domani sera, infatti, le Rondinelle renderanno visita al Perugia con il preciso obiettivo di riprendere il discorso da dove lo hanno lasciato con la brillante vittoria esterna colta a Foggia e con il corposo raccolto di punti che hanno permesso di allontanarsi dalla zona play out.

In questo momento l'attenzione della squadra di Roberto Boscaglia è totalmente incentrata sull'incontro con i Grifoni che inizierà alle 18 e che rappresenta un test più che attendibile per conoscere l'effettivo valore di questo Brescia rimodellato in corsa.  Gli umbri sono a loro volta reduci dal rinvio della partita che avrebbero dovuto disputare sabato a Vercelli (un inutile viaggio a vuoto anche per la squadra di Roberto Breda) e puntano a regalare al proprio pubblico un successo, facendo leva, magari, anche su ex biancazzurri come Leali e Mustacchio, per non parlare di un Diamanti in cerca di rivincite e del bresciano doc Volta. Sul fronte opposto Mister Boscaglia sembra deciso a proseguire sulla strada che nelle ultime uscite ha riservato tante soddisfazioni alla compagine del presidente Massimo Cellino (che ha ricordato commosso Davide Astori, suo giocatore a Cagliari).

Al di là dei numeri, al momento le certezze riguardano le sicure assenze dello squalificato Gastaldello e dell'acciaccato Okwonkwo. Per il resto Caracciolo, ex di turno, è a disposizione e per completare l'undici anti-Perugia il tecnico biancazzurro è alle prese con gli ultimi dubbi. In effetti, confermata la difesa a quattro davanti a Minelli, Coppolaro e Curcio saranno schierati sugli esterni, con Somma ed uno tra Meccariello o Edoardo Lancini al suo fianco. A centrocampo, in quello che si potrebbe definire un 4-4-2 di prima maniera, Embalo e Furlan sono pronti a giocare sulla fascia, con Martinelli che, in mezzo, attende di conoscere il prescelto tra Tonali e Ndoj. Anche Spalek e Bisoli sono però a caccia di una maglia da titolare, mentre Caracciolo e un Torregrossa in grande spolvero sono sicuri di completare il mosaico. Rimane da definire la posizione di Embalo e Furlan, che potrebbero giocare più o meno avanzati (ma anche Torregrossa potrebbe svariare sul fronte dell’attacco) nello scacchiere bresciano che avrà comunque l'obiettivo fondamentale di far proseguire pure a Perugia il brillante momento della squadra di Boscaglia.