Le Rondinelle vogliono far proseguire la loro serie positiva domani sera a Padova
Le Rondinelle vogliono far proseguire la loro serie positiva domani sera a Padova

Brescia, 25 febbraio 2019 - L'emergenza non ha rallentato lo splendido cammino di un Brescia sempre più convinto e convincente. La squadra di Eugenio Corini è infatti riuscita a superare con grande tenacia il Crotone ed ora si appresta a prolungare la sua serie positiva nel turno infrasettimanale in casa del Padova fanalino di coda. Una sfida, quella di domani sera, che propone diversi motivi di interesse, compresa la riproposizione della sfida in famiglia tra il biancazzurro Dimitri e il padre Pierpaolo, ex di turno e tecnico dei patavini. In primo piano, comunque, si pone la ferma volontà delle Rondinelle di non rallentare la loro marcia.

A livello fisico, dopo lo spezzone (con relativo gol) giocato con i calabresi, il bomber Donnarumma dovrebbe essere in grado di rispondere alla chiamata del Mister di Bagnolo, mentre rimangono da definire, visto anche l'esiguo tempo a disposizione, le condizioni dei vari Mateju, Curcio, Martella e Torregrossa. L'allenatore bresciano chiede comunque ai suoi giocatori di proseguire con lo spirito e l'impeto che hanno permesso il successo con i rossoblù: "A forza di martellare - ricorda Eugenio Corini - il gol è arrivato. Questi ragazzi mi rendono orgoglioso. Nonostante non potessi contare sull'intera rosa, le sensazioni della vigilia erano buone. I giocatori hanno lavorato con grande intensità. molta carica e i risultati si sono visti con il Crotone. Hanno messo in campo l'atteggiamento giusto e stanno costruendo qualcosa di molto importante. Dobbiamo continuare, ricordandoci che ogni partita è difficile e noi dobbiamo dare il massimo per superarla a pieni voti". Proprio lo spirito che occorrerà domani sera a Padova, dove la sfida con l'ultima in classifica per la prima della classe deve diventare l'esame da superare per confermare i gradi del primato e far capire a tutti che questo Brescia vuole fermamente la serie A.