Diego Lopez
Diego Lopez

Brescia, 8 giugno 2020 - Diego Lopez sta cercando di riportare al centro dell’attenzione il lavoro che il Brescia sta eseguendo sui campi di Torbole per presentarsi nelle giuste condizioni all’appuntamento di lunedì 22 giugno, quando la trasferta in casa della Fiorentina segnerà la ripartenza delle Rondinelle. Un intento tutt’altro che facile in un momento come questo, nel quale si continua a parlare della società del presidente Massimo Cellino per diverse, importanti ragioni.

Dal mercato, che riserva costantemente ai giocatori biancazzurri (in testa quel Tonali che avrebbe deciso di “sposare” il progetto dell’Inter di Antonio Conte) un occhio di riguardo, sino agli infiniti spunti della “vicenda-Balotelli”, passando a tutte le decisioni che il mondo del calcio deve prendere e che coinvolgeranno direttamente pure il futuro del sodalizio di via Ferramola (con alcuni osservatori che avrebbero anche azzardato che lo stesso Cellino sarebbe pronto a passare la mano dopo le delusioni dell’ultimo periodo), le questioni che indirizzano la luce dei riflettori ben lontana dal rettangolo di gioco sono numerose e di notevole rilievo.

Nonostante questo, però, il tecnico uruguayano, che ha già “digerito” l’addio all’ex attaccante della nazionale e vuole continuare a credere nella salvezza, è deciso a restituire la giusta importanza all’aspetto agonistico. In questo senso, la rosa sta lavorando quasi al completo ai suoi ordini e, recuperato ormai Martella, solo l’acciaccato Torregrossa deve ancora ritrovare la giusta condizione. Ci potrebbe essere però la “sorpresa” Cistana, che potrebbe anche tornare in campo nel finale della stagione dopo l’intervento al quale si è sottoposto ad inizio pandemia.

L’allenatore del Brescia sta cercando di modellare un Brescia più efficace e competitivo ed in questo senso, soprattutto dopo l’addio a Balotelli, mister Lopez pare orientato a riproporre per le Rondinelle il 4-3-1-2 che è valso la cavalcata vincente in serie A. Mentre gli interpreti che giocheranno in difesa e a centrocampo verranno individuati solo nell’immediata vigilia della trasferta a Firenze, Zmrhal e Skrabb si stanno contendendo il ruolo del trequartista che dovrà giostrare alle spalle delle due punte che si spera possano tornare ad essere Donnarumma e Torregrossa.