Donnarumma ha ricevuto il premio di Tommasi dell'Aic insieme al presidente Cellino
Donnarumma ha ricevuto il premio di Tommasi dell'Aic insieme al presidente Cellino

Brescia, 5 marzo 2019 - Il Brescia sta preparando al Centro Sportivo di Torbole Casaglia la trasferta di sabato sul "caldo" campo del Cosenza. Una gara alla quale le Rondinelle riservano un'importanza del tutto particolare, sia perché segue la prima sconfitta interna stagionale, sia perché precede due settimane di stop per la squadra di Corini, che successivamente tornerà in campo sabato 30 per sfidare il Foggia.

La formazione biancazzurra è decisa a presentarsi a questa sosta ancora davanti a tutte e, per realizzare questo intento, deve superare nel migliore dei modi l'impegnativa sfida in Calabria, in casa di una matricola che sta facendo sicuramente bene. Ancora una volta, però, il tecnico bagnolese deve fare i conti con la vera e propria emergenza che ha colpito le Rondinelle sulla fascia sinistra del quartetto arretrato. Una situazione che verrà accentuata a Cosenza dall'assenza di Cistana per squalifica. Al suo posto, al centro della difesa al fianco di Romagnoli, dovrebbe tornare così Gastaldello (in vantaggio su Lancini), mentre per il ruolo di terzino sinistro (a destra ci sarà Sabelli) dovrebbe ritrovare una maglia da titolare il giovane Semprini, che è entrato in campo per sostituire Martella con il Cittadella e che nelle ultime occasioni, quando è stato chiamato in causa da mister Corini, ha fatto pienamente il suo dovere.

Per quel che riguarda gli infortunati Martella (colpito da un riacutizzarsi del problema muscolare già nei primi minuti del match di sabato con i granata), Mateju e Curcio il loro recupero in vista di Cosenza viene escluso dai sanitari che, invece, sono fiduciosi per un ritorno a disposizione per la gara con il Foggia. Il contemporaneo ritorno dei tre terzini porrebbe fine a quella che in questo momento rimane l'emergenza principale in casa del Brescia, che vede vicino ormai il rientro a pieno ritmo anche di Dessena. Per il resto il 4-3-1-2 che cercherà di conservare il primato a Cosenza è già ben delineato, con Tonali, Ndoj e Bisoli a centrocampo e Donnarumma, che è stato premiato dall'Associazione Calciatori quale miglior giocatore di gennaio, e Torregrossa punti di riferimento offensivi. L'unico dubbio è il ballottaggio tra Spalek e Tremolada per il ruolo del trequartista chiamato a sostenerli da vicino.