Eugenio Corini durante il match contro il Cittadella (Fotlive)
Eugenio Corini durante il match contro il Cittadella (Fotlive)

Brescia, 4 marzo  2019 - La prima sconfitta casalinga con il Cittadella e l'ulteriore rallentamento che ne è conseguito non hanno fatto certo piacere al Brescia, ma l'allenatore Eugenio Corini cerca di approfondire quello che è successo e di guardare avanti: "E' da un po' di tempo che siamo alle prese con una condizione non al top di alcuni singoli - è la riflessione del tecnico biancazzurro - essere la capolista richiede di saper mantenere la pressione di essere la prima della classe. Sono sicuro, però, che questa squadra troverà la soluzione anche a questo. Con il Cittadella abbiamo subito una sconfitta immeritata, ci sono altre sfide da giocare, il campionato è ancora lungo. Ci prepareremo al meglio in vista della sfida di Cosenza, poi ci sarà la lunga sosta ed in seguito ci ributteremo sul campionato".

Un cammino lungo e difficile, ma al quale il tecnico bagnolese guarda con convinzione e piena fiducia nei suoi giocatori: "Qualcosa, purtroppo, è successo, perdere non piace a nessuno, ma bisogna andare oltre. Dobbiamo guardare dentro anche ad una sconfitta e vedere come è arrivata. Abbiamo iniziato bene, poi è arrivato il gol del Cittadella. Nel primo tempo c'è stato da soffrire, ma nella ripresa abbiamo provato a raddrizzare la gara. Le occasioni ci sono state. Ho visto comunque una squadra che ha lottato fino alle fine ed ai miei giocatori non posso rimproverare nulla. Hanno dato tutto quello che potevano dare". Proprio lo spirito con il quale le Rondinelle, che rimangono comunque prime in classifica, sabato dovranno rendere visita a un Cosenza che davanti ai propri tifosi riesce a dare il meglio. In questo momento sembra che la squadra biancazzurra non sia al top della brillantezza e che, probabilmente, le fatiche di un cammino così lungo e difficile comincino a farsi sentire. Mister Corini e i suoi giocatori hanno comunque un'intera settimana di lavoro per ritrovare lo smalto e la decisione dei giorni migliori, così da far riprendere subito dalla Calabria la loro rincorsa alla serie A.