Le Rondinelle al lavoro al San Filippo per completare la loro preparazione
Le Rondinelle al lavoro al San Filippo per completare la loro preparazione

Brescia, 16 agosto 2018 - Il calciomercato è giunto alle battute conclusive e il Brescia guarda al rush finale che lo condurrà all'epilogo fissato per domani sera con un progetto ben definito. L'idea è quella di mettere a disposizione di Mister David Suazo nuove pedine per allestire una squadra sempre più competitiva e, in particolare, cercare di "rinsaldare" una difesa che in questo precampionato non si è certo dimostrata insuperabile. Le Rondinelle in questo momento stanno assumendo una fisionomia assai propositiva, con un attacco nel quale Donnarumma e Torregrossa, ben supportati da Tremolada (e all'occorrenza da Morosini), stanno facendo vedere di poter mettere in difficoltà qualsiasi avversario. Un discorso che potrebbe farsi ancora più interessante quando a centrocampo Sandro Tonali avrà ritrovato il suo posto in cabina di regia. Il problema è però che questo "gigante ha i piedi d'argilla". Il Brescia finora ha subito troppe reti e, se in alcuni casi si possono indicare come cause errori individuali o una squadra eccessivamente sbilanciata, è comunque di fondamentale importanza poter offrire nuove certezze ad un reparto che in questo momento si basa sul capitano e regista centrale Daniele Gastaldello, ma che, nello stesso tempo, richiede un inserimento di sicura garanzia. Per il momento, mentre Biagio Meccariello sembra indirizzato verso l'Ascoli, l'indiziato a vestire la maglia biancazzurra (in questo caso sarebbe meglio dire "rivestire") resta Luca Caldirola del Werder Brema. Ci sono tutte le premesse affinché l'affare vada in porto, ma le ore passano e la mancanza di annunci ufficiali comincia a creare non poche preoccupazioni. Un discorso simile vale per il centrocampo, dove Bright Addae dell'Ascoli è stato ormai individuato come la pedina prescelta, ma la fumata bianca non si vede all'orizzonte. Per il resto, mentre in uscita Stefano Minelli è finito nel mirino del Cittadella, la società del presidente Massimo Cellino sembra intenzionata a compiere un ultimo sforzo anche per l'attacco, dove due nomi illustri come Andrej Galabinov e Fabio Ceravolo, che rischiano di trovare poco spazio rispettivamente al Genoa e al Parma, vengono accostati al Brescia per impreziosire quello che potrebbe diventare davvero un attacco da favola.