Bergamo, 23 giugno 2018 - L'Atalanta accelera sul mercato. I nerazzurri, che finora avevano atteso le mosse dei grandi club, nelle ore hanno intavolato una trattativa con l’Udinese per portare in nerazzurro il 22enne centrocampista ceco Jakub Jankto per rimpiazzare quel vuoto nel ruolo di trequartista lasciato da Bryan Cristante. Tratttiva già a buon punto, con un’intesa di massima raggiunta ieri tra i due club, anche se manca ancora il via libera del giocatore, che ha diverse offerte tra cui quella del Torino, anche se la Dea sembra vicina a chiudere l’affare. Quasi definita la quadratura economica: la richiesta dei friulani è intorno ai 14 milioni, cifra dilazionabile con un prestito con riscatto obbligatorio, ma i bergamaschi potrebbero infilare una contropartita tecnica. Come il portiere Sportiello, richiesto anche dalla Sampdoria e sempre tentato dall’andare a Roma a fare la riserva, sia in giallorosso che in biancoceleste.

Jankto, cresciuto nelle giovanili dello Slavia Praga, è approdato in Friuli nel 2014, appena 18enne, e, dopo una stagione di crescita ad Ascoli in B, dove ha giocato con Petagna, è diventato un titolare tra i bianconeri nell’ultimo biennio in cui ha collezionato 65 presenze e 9 reti. Centrocampista di impatto fisico, bravo sulla fascia, mancino, dotato di un buon tiro da fuori, Jankto, seppur diverso da Cristante (ma fisicamente ha le stesse doti di velocità e potenza) potrebbe ben adattarsi ad un 3-4-3 classico ma anche al 3-5-2 e al 3-4-1-2 tanto caro a Gasperini.
La trattativa lampo per portare Jankto a Bergamo non va ad interferire in alcun modo con la vicenda Gomez. Il Papu viene corteggiato dalla Lazio, che lo vorrebbe come sostituto del partente Felipe Anderson, ma l’Atalanta, che eppure per cautelarsi monitora il romanista Perotti e il granata Iago Falque, non ha intenzione di cederlo e lo stesso capitano non scalpita per andarsene. Ieri infine è stato ufficializzato l’arrivo, per 5 milioni, del ventenne Marco Tumminello dalla Roma.