Invia tramite email Condividi Condividi su Instagram Effettua l'accesso col tuo utente QN Il Giorno Tutte le ultime notizie in tempo reale dalla Lombardia il Resto del Carlino Tutte le notizie in tempo reale dall'Emilia Romagna e dalle Marche Il Telegrafo Tutte le news di oggi di Livorno La Nazione Tutte le notizie in tempo reale dalla Toscana e dall'Umbria QuotidianoNet Tutte le ultime notizie nazionali in tempo reale Tweet Accedi al tuo account Clicca qui per accedere al tuo account WhatsApp Canale YouTube
Cronaca Sport Cosa fare

EDIZIONI

Abbonamenti

Leggi il giornale

Network

Quotidiano.net il Resto del Carlino La Nazione Il Giorno Il Telegrafo

Localmente

Codici Sconto

Speciali

Lega Nord, Salvini: non ci fermiamo, al raduno di Pontida in nome della libertà

Il leader del Carroccio conferma storico evento in programma domenica: "Mi aspetto una marea di gente". Cambia scaletta evento, lunedì Consiglio federale d'emergenza

Ultimo aggiornamento il 15 settembre 2017 alle 16:12
Matteo Salvini al raduno di Pontida (Newpress)

Pontida (Bergamo), 15 settembre 2017 - "La Lega non si ferma, domenica saremo a Pontida, cambierà completamente la scaletta della giornata, che sarà nel nome della libertà e della democrazia". E' quanto ha assicurato il leader della Lega, Matteo Salvini, dopo la decisione del Tribunale di Genova che ha bloccato i conti correnti di alcune federazioni locali del Carroccio. L'atto è arrivato a tre giorni dalla manifestazione in programma per domenica 17 settembre a Pontida. "Stiamo studiando alcune iniziative eclatanti che riguarderanno amministratori, consiglieri, deputati e senatori". La Lega, aggiunge, sarà presente al referendum, alle elezioni in Sicilia, alle elezioni politiche "ma se non cambia qualcosa difficilmente potrò stampare volantini e manifesti e pagare gli spot elettorali".

"Sul conto della Lega ci sono 30mila euro, ci hanno sequestrato i beni senza dirci niente" ha detto Salvini. L'appuntamento annuale del popolo del Carroccio, in ogni caso, "si farà - assicura Salvini - mi aspetto una marea di gente". Il sequestro, però, pone dei problemi stringenti alla Lega. "Io lunedì devo pagare le aziende dei pullman che ci aiuteranno a portare la gente a Pontida - spiega ancora - e io sono per altro impossibilitato a pagare le ultime 12 persone che lavorano per noi e che sono impossibilitato a pagare. Magari le manterrà il giudice, le ospiterà il giudice a casa sua". Per lunedì invece, ha proseguito Salvini, sarà convocato un Consiglio federale "d'emergenza".

 

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.