Invia tramite email Condividi Condividi su Instagram Effettua l'accesso col tuo utente QN Il Giorno Tutte le ultime notizie in tempo reale dalla Lombardia il Resto del Carlino Tutte le notizie in tempo reale dall'Emilia Romagna e dalle Marche Il Telegrafo Tutte le news di oggi di Livorno La Nazione Tutte le notizie in tempo reale dalla Toscana e dall'Umbria QuotidianoNet Tutte le ultime notizie nazionali in tempo reale Tweet Accedi al tuo account Clicca qui per accedere al tuo account WhatsApp Canale YouTube
Cronaca Sport Cosa fare

EDIZIONI

Abbonamenti

Leggi il giornale

Network

Quotidiano.net il Resto del Carlino La Nazione Il Giorno Il Telegrafo

Localmente

Codici Sconto

Speciali

Migranti, Matteo Salvini alla diocesi di Bergamo: "Vogliono scomunicarmi"

Il leader della Lega Nord rilancia un articolo con il titolo: "Salvini si dice cattolico. Purtroppo. A proposito di Papa Francesco e di accoglienza degli immigrati'

Ultimo aggiornamento il 26 agosto 2017 alle 18:14
Matteo Salvini

Bergamo, 26 agosto 2017 -  "Vogliono scomunicarmi! Non ho parole... Meglio arricchirsi coi finti profughi?". Così su Twitter il leader della Lega, Matteo Salvini, che rilancia una notizia pubblicata su 'santalessandro.org', settimanale on line della diocesi di Bergamo, dove si legge un articolo con il titolo 'Salvini si dice cattolico. Purtroppo. A proposito di Papa Francesco e di accoglienza degli immigrati'. L'articolo finisce così: "Se è permesso, vorremmo far notare, sommessamente ma fermamente, che la fede, quella del cattolico Bergoglio, che tra l'altro non e' un cattolico qualsiasi, e, con lui, quella di molti ma molti cattolici, non e' quella di Salvini". Nell'articolo si legge anche in neretto: "Salvini usa la sua fede per dare forza alla sua politica. Ma poi, era proprio necessario che Salvini, per enunciare la sua politica anti-immigrati, affermasse di essere cattolico?".

Fonte Agi

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.