Bergamo, 2 aprile 2018 - La Lega perde un 'pezzettino' di storia nella Bassa bergamasca. Con un documento dai toni altisonanti, i Giovani padani della zona, cuore pulsante della militanza leghista, hanno annunciato lo "scioglimento" del gruppo perche' non si riconoscono nella nuova linea sovranista e nazionale e vogliono portare avanti la battaglia dell'indipendentismo del Nord.

"Il Mgp bassa bergamasca e' nato 18 anni anni fa come movimento politico giovanile territoriale, un gruppo di amici che insieme hanno affrontato molteplici battaglie, ragazzi e ragazze accomunati da una forte voglia di liberta' che condividono un sogno: la Padania indipendente", si legge. "In questi anni ci siamo messi in gioco, non ci siamo mai tirati indietro di fronte a nulla, sempre provando a migliorarci", proseguono. "Il Movimento Lega (ex Nord) al quale ci sentivamo di appartenere oggi non ci rappresenta piu', a tal proposito comunichiamo che in data odierna il Mgp Bassa Bergamasca proclama il suo scioglimento", si annuncia nel documento datato 31 marzo. "Simboli, slogan e gadget che ci appartengono verranno ritirati in quanto cio' che e' stata la nostra storia per 18 anni non potra' esistere mai piu'", continuano. "La nostra non e' una fuga, ne' tantomeno una resa, e' una scelta di coerenza presa in piena liberta' dal gruppo. Nulla hanno da temere i nostri sostenitori perche' la nostra battaglia non si conclude oggi, continuera' imperterrita fino alla fine, finche' avremo forza, fino all'ultimo respiro".

Contattato al telefono il coordinatore federale dei Giovani padani, Andrea Crippa, minimizza. "Sono un gruppo di soli sei giovani, tra cui il coordinatore provinciale del Mgp Bergamo, Daniel, che sara' sostituito", spiega Crippa. "Sono stato informato preventivamente della loro decisione. Trovo che si siano comportati in maniera leale: lasciano i Giovani padani perche' lasciano la Lega, di cui non condividono piu' la linea", aggiunge. "Noi comunque andiamo avanti: io nei prossimi giorni avro' incontri in Calabria, poi in Sardegna. Ho tantissimi riscontri. Poi cambieremo il nome in Giovani Lega o Leghisti Giovani, vediamo, questo e' ancora da decidere: tra i Giovani questo cambiamento e' accolto con favore da tutti.
Bisognera' aspettare prima il congresso federale del partito, che ancora non si sa quando sara' convocato, e poi anche noi cambieremo la nostra denominazione". 

Fonte Agi