Invia tramite email Condividi Condividi su Instagram Effettua l'accesso col tuo utente QN Il Giorno Tutte le ultime notizie in tempo reale dalla Lombardia il Resto del Carlino Tutte le notizie in tempo reale dall'Emilia Romagna e dalle Marche Il Telegrafo Tutte le news di oggi di Livorno La Nazione Tutte le notizie in tempo reale dalla Toscana e dall'Umbria QuotidianoNet Tutte le ultime notizie nazionali in tempo reale Tweet WhatsApp Canale YouTube
Cronaca Sport Cosa fare

EDIZIONI

Abbonamenti

Leggi il giornale

Network

Quotidiano.net il Resto del Carlino La Nazione Il Giorno Il Telegrafo

Localmente

Codici Sconto

Speciali

Metalmeccanici: dimezzata la cassa a Bergamo, ma i numeri restano drammatici

In un anno persi oltre mille posti di lavoro in un settore strategico

di FEDERICA PACELLA
Ultimo aggiornamento il 21 luglio 2017 alle 07:06
Un recente sciopero dei metalmeccanici

Bergamo (21 luglio 2017) - Meno cassa integrazione nelle aziende metalmeccaniche, ma il lavoro non decolla visto che il numero degli addetti è passato dai 4.079 del giugno 2016 ai 2929 dei primi sei mesi di quest’anno. Bergamo è una delle aree più coinvolte dalle situazioni di crisi, con 58 aziende e 2796 lavoratori a rischio, circa il 19% del totale lombardo: numeri che la collocano al secondo posto in Lombardia, solo dopo Milano. E’ quanto emerge dal 43° rapporto dell’Osservatorio sulla crisi e l’occupazione, promosso dalla Fim Lombardia, che rileva sistematicamente i dati nelle circa 7.000 aziende con oltre 550.000 lavoratori della regione. In generale, a Bergamo come in tutta la Lombardia, nel primo semestre 2017 c’è stata una forte contrazione delle imprese coinvolte da situazioni di crisi. Il numero del ricorso alla «cassa» è calato del 16,83% rispetto allo scorso semestre e del 51,80% rispetto allo stesso periodo del 2016.

«Dopo la crisi degli anni precedenti – spiega il segretario generale Fim Cisl Bergamo, Luca Nieri – le aziende metalmeccaniche bergamasche sembrano ripartite». Secondo il sindacato, il settore auto si è ripreso da tempo, come anche il settore valvole. Segnali di miglioramento sono riscontrati anche nel settore agricolo. «Grosse preoccupazioni – prosegue Nieri permangono nel settore dell’artigianato, che dal 2017 è sprovvisto della cassa in deroga poiché non più finanziata, e seppur utile, resta insufficiente il Fondo di solidarietà bilaterale. Diventa sempre più strategico che le parti sociali facciano partire a livello territoriale gli osservatori, per meglio comprendere andamento e prospettive del settore metalmeccanico bergamasco».

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.