Invia tramite email Condividi Condividi su Instagram Effettua l'accesso col tuo utente QN Il Giorno Tutte le ultime notizie in tempo reale dalla Lombardia il Resto del Carlino Tutte le notizie in tempo reale dall'Emilia Romagna e dalle Marche Il Telegrafo Tutte le news di oggi di Livorno La Nazione Tutte le notizie in tempo reale dalla Toscana e dall'Umbria QuotidianoNet Tutte le ultime notizie nazionali in tempo reale Tweet WhatsApp Canale YouTube
Cronaca Sport Cosa fare

EDIZIONI

Abbonamenti

Leggi il giornale

Network

Quotidiano.net il Resto del Carlino La Nazione Il Giorno Il Telegrafo

Localmente

Codici Sconto

Speciali

Presidio dei lavoratori Mediaworld a Curno

Verano Brianza (Monza Brianza), 3 agosto 2018 - Una nottata al tavolo della trattativa, che ha più volte rischiato di saltare, nonostante i cinque mesi di scioperi, manifestazioni e abboccamenti. Nelle prime ore di venerdì 3 agosto è statainfine raggiunta l’intesa tra Mediaworld e sindacati sulla questione del trasloco della sede da Curno, in provincia di Bergamo, a Verano Brianza.

“Con questo accordo – dicono Mario Colleoni, Terry Vavassori e Maurizio Regazzoni, segretari di Filcams-Cgil, Fisascat-Cisl e Uiltucs-Uil - si è fatto un piccolo passo avanti verso relazioni sindacali che ci auguriamo siano più composte e attente nei confronti del personale. È abitudine di queste multinazionali considerare i lavoratori una spesa e non una risorsa, con occhi attenti ai bilanci e non alla soddisfazione della gente che lavora e deve portare a compimento gli obiettivi societari. È necessario valorizzare le risorse umane: ci auguriamo che questo accordo sia preludio a relazioni umane più forti”.

Nello specifico, l’accordo recepisce le richieste sindacali relative a smart working, flessibilità degli orari di entrata e uscita, sostegno in materia di conciliazione di vita privata e lavoro. “Il nostro obiettivo era cercare risposte alle problematiche dei lavoratori e delle lavoratrici che in Brianza non riusciranno a andare, e assicurare condizioni migliori per chi invece raggiungerà quotidianamente Verano Brianza e che si troverà a percorrere più di 100 chilometri a fronte di un reddito non sicuramente elevato. Da parte nostra – concludono i sindacalisti – riteniamo ora opportuno entrare nel merito di quello che vuole essere il piano industriale della società e permettere ai dipendenti di comprendere che tipo di prospettive vuole consegnare loro questa multinazionale”.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.