Invia tramite email Condividi Condividi su Instagram Effettua l'accesso col tuo utente QN Il Giorno Tutte le ultime notizie in tempo reale dalla Lombardia il Resto del Carlino Tutte le notizie in tempo reale dall'Emilia Romagna e dalle Marche Il Telegrafo Tutte le news di oggi di Livorno La Nazione Tutte le notizie in tempo reale dalla Toscana e dall'Umbria QuotidianoNet Tutte le ultime notizie nazionali in tempo reale Tweet Accedi al tuo account Clicca qui per accedere al tuo account WhatsApp Canale YouTube
Cronaca Sport Cosa fare

EDIZIONI

Abbonamenti

Leggi il giornale

Network

Quotidiano.net il Resto del Carlino La Nazione Il Giorno Il Telegrafo

Localmente

Codici Sconto

Speciali

Lavoro, avviamenti e contratti indeterminati in crescita

Bergamo, tra inserimenti e cessazioni saldo positivo di 16mila posti

di MICHELE ANDREUCCI
Ultimo aggiornamento il 22 novembre 2017 alle 07:07
Un operaio al lavoro

Bergamo, 22 novembre 2017 - La Camera di Commercio e la Provincia di Bergamo hanno reso nota una prima lettura dell’andamento del mercato del lavoro nella Bergamasca nei primi tre trimestri del 2017. Gli avviamenti (i nuovi contratti) sono stati 109.934 (+13% su base annua) e le cessazioni 93.001 (+1,5%), con un saldo positivo di 16.933 contratti rispetto ai 5.676 del corrispondente periodo del 2016. In forte crescita (+40,7%) le proroghe che nei primi tre trimestri del 2017 hanno raggiunto il livello dell’intero 2016.

Da registrare anche l’incremento delle trasformazioni di contratti a tempo determinato a tempo indeterminato (+36%) e il prevalere, in continuità con a tendenza degli ultimi quattro anni, del passaggio dal tempo pieno al part-time piuttosto che l’inverso. Per quanto riguarda gli avviamenti, si registra un aumento dei tirocini (+25,5%), il forte aumento (+39,9%) dell’apprendistato, il calo del lavoro parasubordinato, con la scomparsa dei lavori a progetto e una riduzione dei co.co.co. Netta crescita, invece, dei contratti a tempo determinato (+28,6%), con 44.639 contratti, e boom del lavoro intermittente a tempo determinato. Tra gli operai specializzati (e artigiani e agricoltori) si contano 16.601 lavoratori avviati, in crescita del 9%. Le professioni cosiddette esecutive nel lavoro d’ufficio (11.038 addetti) crescono del 12,2%, con aumenti significativi e importanti per gli addetti alla logistica (+21,9%), al recapito postale (+51,4%) e agli affari generali (+9,8%). Flessioni significative si registrano invece tra gli addetti agli sportelli e ai movimenti di denaro (-9,7%) e all’archiviazione della documentazione (-25,2%). La variazione su base annua più marcata (+39,6%) arriva dalle professioni qualificate nelle attività commerciali e nei servizi (23.509 avviti), con punte per gli addetti nelle attività di ristorazione (10.778, con aumento del 77,6%).

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.