Invia tramite email Condividi Condividi su Instagram Effettua l'accesso col tuo utente QN Il Giorno Tutte le ultime notizie in tempo reale dalla Lombardia il Resto del Carlino Tutte le notizie in tempo reale dall'Emilia Romagna e dalle Marche Il Telegrafo Tutte le news di oggi di Livorno La Nazione Tutte le notizie in tempo reale dalla Toscana e dall'Umbria QuotidianoNet Tutte le ultime notizie nazionali in tempo reale Tweet Accedi al tuo account Clicca qui per accedere al tuo account WhatsApp Canale YouTube
Cronaca Sport Cosa fare

EDIZIONI

Abbonamenti

Leggi il giornale

Network

Quotidiano.net il Resto del Carlino La Nazione Il Giorno Il Telegrafo

Localmente

Codici Sconto

Speciali

Valbrembo, domenica in campo i più piccoli per Yara Gambirasio ed Emiliano Mondonico

Quarto appuntamento del memorial di calcio "la Passione di Yara": ci sarà anche la prima edizione del torneo dedicato all'ex allenatore

Ultimo aggiornamento il 3 settembre 2018 alle 17:54
Yara Gambirasio (Ansa)

Valbrembo (Bergamo), 3 settembre 2018 - «I pulcini sono la personificazione della passione semplice e pura per il calcio, e noi teniamo a far venire fuori la purezza dei nostri figli»: con queste parole Fulvio Gambirasio ha presentato questo pomeriggio a Palazzo Pirelli la quarta edizione del torneo nazionale "La passione di Yara", in memoria della figlia. La competizione di calcio a 7, riservata alla categoria "pulcini", è in programma per domenica prossima a Valbrembo, in provincia di Bergamo. A sfidarsi saranno 16 squadre di livello locale e di spessore nazionale, tra le quali Inter, Juventus, Atalanta e Torino.

Novità di questa edizione sarà il primo memorial, sabato 8 settembre, dedicato all'ex allenatore e calciatore morto a marzo Emiliano Mondonico, un quadrangolare con squadre formate da tifosi, dirigenti ed ex giocatori, di Atalanta, Torino, Fiorentina e Albinoleffe. «Noi siamo lo specchio dei nostri figli, quello che facciamo viene appreso da loro al 100%» ha detto Gambirasio, sottolineando il valore dell'esempio. «Emiliano e mia figlia non ci sono più e anche noi che oggi siamo qui domani dovremo lasciare questa terra. Ma sono importanti il pensiero e l'esempio che lasciamo, perché quelli non moriranno mai» ha sottolineato Gambirasio.

A margine della presentazione, il padre di Yara non ha voluto parlare della vicenda processuale per l'omicidio della figlia. «Quello che è accaduto - ha detto - non deve intaccare il lavoro dell'associazione, quando i progetti della Passione di Yara diventeranno più importanti del suo destino, allora noi avremo vinto».

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.