Quotidiano Nazionale logo
12 apr 2022

Romano di Lombardia, scuolabus non assicurato: a bordo 50 bambini

È il secondo caso in meno di un mese scoperto dalla polizia locale

francesco donadoni
Cronaca
Scuolabus
Scuolabus

Romano di Lombardia (Bergamo), 13 aprile 2022 - Il secondo caso in meno di un mese. La polizia locale di Romano di Lombardia ha scoperto ancora uno scuolabus senza assicurazione. È successo ieri mattina poco prima delle 8, durante i controlli di viabilità lungo l’ex statale 498 gli agenti del Distretto bassa orientale hanno rilevato che il pullman utilizzato da una compagnia di trasporto del Bresciano per accompagnare gli studenti del territorio che frequentano le scuole superiori di Romano di Lombardia aveva la polizza scaduta. Il mezzo è impiegato nei servizi di rinforzo al trasporto pubblico in seguito alle misure di contenimento del Covid. A bordo c’erano una cinquantina di studenti. Per evitare che i ragazzi perdessero la giornata di lezioni gli agenti, agli ordini del comandante Arcangelo Di Nardo, hanno scortato lo scuolabus fino al piazzale della stazione ferroviaria dove poi il mezzo è stato fermato in attesa che venga regolarizzato. Da lì poi gli studenti hanno potuto raggiungere a piedi i rispettivi istituti superiori.

Un episodio simile era accaduto anche il 15 marzo. Anche allora fu trovato un pullman dei servizi di rinforzo senza assicurazione appartenente alla stessa società di trasporto bresciana che in quel caso si giustificò parlando di una disattenzione. Anche in quella occasione gli agenti della polizia locale della Bassa orientale avevano fermato il mezzo per un controllo di routine e a bordo c’erano una quarantina di ragazzi. È subito emerso che la copertura assicurativa fosse scaduta a fine febbraio, "per una dimenticanza" hanno spiegato i titolari dell’azienda. Così la Locale ha scortato fino alle scuole cittadine il mezzo, prima di sequestrarlo come vuole la legge, e di elevare una sanzione da 849 euro. In questo modo, i ragazzi hanno evitato di saltare un giorno di scuola o di entrare in ritardo.

 

 

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?