Quotidiano Nazionale logo
26 gen 2022

Prende forma il piano di recupero dell’ex carcere di Sant’Agata

Aperta la selezione dei professionisti per lo studio di fattibilità tecnico-economica, il progetto definitivo e l’esecutivo

michele andreucci
Cronaca
Le candidature dovranno pervenire a Palazzo Frizzoni entro il 15 febbraio
Le candidature dovranno pervenire a Palazzo Frizzoni entro il 15 febbraio
Le candidature dovranno pervenire a Palazzo Frizzoni entro il 15 febbraio

di Michele Andreucci Dopo il sopralluogo eseguito dalla Sovrintendenza ai beni architettonici insieme all’assessore alla Riqualificazione urbana Francesco Valesini, prende sempre più forma il progetto di recupero del complesso dell’ex carcere di Sant’Agata, in Città Alta, voluto dal Comune di Bergamo. Si sono infatti aperte, con un bando pubblicato sul sito di Palazzo Frizzoni, le selezioni dei progettisti che intendono candidarsi alla realizzazione dello studio di fattibilità tecnico-economico, del progetto definitivo e di quello esecutivo. Le candidature dovranno pervenire all’Amministrazione comunale entro il 15 febbraio. Per questa prima fase sono stati stanziati 707.601,48 euro dei circa 8,8 milioni previsti per il restauro e la riconversione del complesso che fino agli anni Settanta ospitava il carcere cittadino e che rappresenta una delle maggiori strutture di Bergamo Alta. Una prima formale indicazione, in attesa del progetto, è stata fornita alla Sovrintendenza in merito all’utilizzo del sottotetto, che il Comune di Bergamo intende recuperare, almeno in parte. Sarà però necessario il piano di restauro vero e proprio per avere un parere definitivo dalla Sovrintendenza, che a quel punto sarà anche vincolante. I progettisti, che una commissione esaminatrice sceglierà tra le candidature che arriveranno a Palazzo Frizzoni, dovranno cimentarsi con indicazioni precise su alloggi, spazi per iniziative sociali e culturali e valorizzazione delle strutture architettoniche. In particolare, il progetto dovrà prevedere il recupero e la nuova destinazione dell’ala Nord e di quella Est del complesso, con la realizzazione di undici alloggi per servizi abitativi sociali, spazi espositivi da collocare negli ambienti delle celle al terzo piano dell’ala Nord e il recupero di spazi per funzioni sociali, da destinare alle attività di associazioni del territorio. Gli alloggi, da destinare a giovani coppie o anziani, avranno diversa metratura, da mono a trilocali. Altri due appartamenti in duplex potranno essere recuperati nei volumi posti ai lati della ex ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?