Fiaccolata per Marisa sartori
Fiaccolata per Marisa sartori

Curno (Bergamo), 11 febbraio 2019 - Per ricordare Marisa Sartori, un gruppo di amiche della 25enne uccisa sabato scorso nel garage sotto casa dei genitori, a Curno, ha organizzato per questa sera, lunedì 11 febbraio, una fiaccolata tra Mozzo e Curno.  Numerose le persone che hanno partecipato.

Il ritrovo e' stato alle 20.30 di fronte al negozio di parrucchiera dove Mary, cosi' la conoscevano in paese, lavorava. "Non smettere mai di sorridere" hanno scritto le amiche su uno striscione su cui e' stata stampata anche la foto della giovane. La fiaccolata si e' fermata davanti la casa dove la giovane viveva con i genitori e la sorella Deborah, ferita ma ora fuori pericolo. 

Intanto, Deborah Sartori ha lanciato un appello, affidato all’avvocato Marcella Micheletti, legale della famiglia e dell’associazione “Aiuto Donna” di Bergamo, a cui si era rivolta Marisa. "Le donne che perdonano, come abbiamo visto in questi giorni, si trovano a vivere in una condizione di assoluto pericolo. Vanno ascoltate di più, questo voglio dire alle forze dell’ordine. Perdonare non significa essere fuori pericolo. Mia sorella aveva perdonato tante volte, ma non per questo si è salvata. Le donne che hanno bisogno devono essere ascoltate, consigliate, aiutate, difese, protette da chi le tormenta. Chiedo giustizia per Marisa, certo, ma chiedo più attenzione per tutte le donne".